EVENTI IN PROGRAMMA PER IL PERIODO: 12/07/2018 - 22/07/2018

Giovedì 12 luglio

LA RANA DI VELLUTO E LA PRINCIPESSA CUNEGONDA
GIOVEDI 12 LUGLIO presso il Teatro Estate nella pineta di ponente a Viareggio appuntamento con la compagnia teatrale viareggina Croce Verde che presenta “La rana di velluto e la principessa Cunegonda”, da un'idea e con la regìa di Clara Piscopo. La commedia si ispira ad una nota fiaba che la sapiente penna della Piscopo ha riadattato ad una lettura per grandi e piccini. Inizio ore 21,15. Ricavato in beneficienza.  TIPO: Eventi per bambini LUOGO: Teatro estate viale g. capponi n°10 pineta di ponente, Viareggio ORARIO: 21,15 INFORMAZIONI: teatro estate viale G. Capponi n°10 vicino laghetto dei cigni pineta di ponente viareggio

DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA
Dal 14 giugno al 15 luglio 2018 si terrà a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA, dedicata all’opera di Giovannino Guareschi (a cura di Giorgio Casamatti, Guido Conti e Federica Sassi) in concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore. TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi ORARIO: 16:00 alle 23:00 INFORMAZIONI: - Telefono: 0584 787251

La forza del colore
Arriva a Forte dei Marmi la mostra “La Forza del Colore”, ospitata dal 1° al 13 luglio al Museo Ugo Guidi, organizzata in collaborazione con la galleria d’arte “L’Alunno” di Bologna e AsArtMagazine. Il taglio del nastro è previsto per domenica 1°luglio, alle ore 18:00, con una cerimonia presentata da Calogero Cordaro.La collettiva di arte, pittura e scultura vanta la partecipazione di artisti da tutta Italia: Anber, Angeli Maristella, Baruzzo Marco, Belloni Giulio, Bentini Gian Paolo, Bertoncelli Barbara, Bussolino Daniela, Colleoni Liliana, Conte Rosalida, Crisafio Marina, D’Amico Alessandro, D’Amico Francesca, D’Anna Nadia, Giovanni Frattini, Frigo Giacomo, Gladkova Elena, Guadagnucci Valentina, Keith Rosalind, Latini Fulvia, Massaria Luigina, Masuzzo Margherita, Mazzamuto Nunzio, Mineo Sara, Roberto Mondani, Maria Rita Onofri, Palma Aldo, Patti Cristina, Pecchia Lucia, Recchia Maurizio, Serrani Berardina, Strimbeanu Violeta.L’esposizione, inserita nel cartellone ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi, sarà aperta al pubblico tutti i giorni, ad eccezione di martedì, dalle 18:00 alle 20:00. È possibile altresì concordare visite su appuntamento, telefonando al numero 348 302 0538 o inviando una mail all’indirizzo .Si rende noto che una parte delle opere degli artisti verrà esposta al Logos Hotel (via Mazzini, 153), visitabile tutti i giorni, secondo l’orario 10:00-23:00. TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 10:00 a 23:00 INFORMAZIONI: 348 3020538 - Tel. 348-3020538

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

La Forza del Colore
Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi in collaborazione con La Galleria d’arte L’ALUNNO di Bologna ospita dall’1 al 13 luglio 2018 la mostra collettiva di arte dal titolo “La Forza del Colore” con la partecipazione dei seguenti artisti: Anber, Angeli Maristella, Baruzzo Marco, Belloni Giulio, Bentini Gian Paolo, Bertoncelli Barbara, Bussolino Daniela, Colleoni Liliana, Conte Rosalida, Crisafio Marina, D’Amico Alessandro, D’Amico Francesca, D’Anna Nadia, Giovanni Frattini, Frigo Giacomo, Gladkova Elena, Keith Rosalind, Latini Fulvia, Massaria Luigina, Masuzzo Margherita, Mazzamuto Nunzio, Mineo Sara, Roberto Mondani, Maria Rita Onofri, Palma Aldo, Patti Cristina, Pecchia Lucia, Recchia Maurizio, Serrani Berardina, Strimbeanu Violeta .La mostra, che è promossa e organizzata da AsART Magazine, sarà inaugurata Domenica 1 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione di Calogero Cordaro. L'esposizione sarà visitabile fino al 13 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere degli stessi artisti, tutti i giorni dalle 10 alle 23. La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e Forte Magazine TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 o su appuntamento - Martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

Con moto o mosso
 “I cento metri più affollati della Versilia” ospitano l’arte. Dal 30 giugno la Galleria Teseo Arte di Milano espone Franco Rota Candiani e Riccardo Gusmaroli all’Almarosa Forte dei Marmi. Ogni genesi implica un’azione, genera cinetica, mutamento, divenire, da immobile a mobile. In altre parole, il moto. Non esiste movimento, se non esistesse la stasi. L’estetica di Candiani (Milano 1939) nasce da lunghi periodi di gestazione concettuale ed esplora attraverso cromatismi materici i possibili moti collaterali a una causa-azione. Nelle sue opere succede qualcosa, non ci è dato sapere cosa, ma il mistero si disvela nell’onda d’urto che ne deriva: da un vuoto primordiale, che potremmo definire quasi esistenziale, fervide svirgolate cromatiche emergono tra spazi pieni e vuoti come un respiro, come onde e si propagano nello spazio, nel tempo, nel gesto. Così come in Candiani, la conseguenza genera azione, nell’opera Europa di Riccardo Gusmaroli il gioco dello spazio-tempo ne scandisce i vortici nautici che osano e sfidano le correnti del mare, come pure quelle ideologiche. Barchette fatte di carta, ma resistenti al mare, incedono ritmicamente e si involvono, quasi potrebbero persino scontrarsi in un punto cardine, come vortici di pensieri, che il maremagnum dell’animo umano può generare. La struttura ritmica delle due opere a confronto dialoga e suggerisce imprescindibilmente la sensazione musicale del moto, stuzzicando l’insinuarsi concettuale di essere di fronte a un ossimoro visivo squisitamente sottile, in cui ciò che matericamente appare fermo, in realtà si muove e tutto muove.  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Almarosa art music bar, Forte dei Marmi ORARIO: dalle 18:00 INFORMAZIONI: Teseo Arte info@teseoarte.com 02 91092271 - V.le Morin,89/A, 0584 82503 info@almarosa.it www.almarosa.it

DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA
70 immagini per raccontare la finzione che diventa realtàMostra dedicata all’opera di Giovannino Guareschi (a cura di Giorgio Casamatti, Guido Conti e Federica Sassi) in concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore.L’esposizione si inserisce nell’ambito delle iniziative “Aspettando il Premio Satira”, che si terrà dal 4 al 7 luglio, ed è promossa dall’Amministrazione comunale di Forte dei Marmi e dal Comitato Premio Satira in collaborazione con la Fondazione Villa Bertelli.In mostra circa 70 scatti di Osvaldo Civirani, scelti insieme ai figli di Giovannino Guareschi, che descrivono la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak.Sono immagini di scena che raccontano il regista Duvivier, Fernandel e Gino Cervi, prima o durante le scene, sempre però con un'ottica diversa e con un'angolazione trasversale che mettono in luce tutta la fatica e l'immenso lavoro necessario alla produzione di un film.Un racconto nel racconto, inventando un modo non banale per accompagnare il lettore nel mondo di Guareschi sul crinale tra cinema e letteratura, lungo quel labile confine che oscilla tra la letteratura che diventa cinema e il cinema che influenza poi la letteratura.Primo piano di Villa Bertelli  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi INFORMAZIONI: Ufficio Informazioni Turistiche Tel 0584 280253 - Telefono: 0584 787251

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Venerdì 13 luglio

Dott. ssa Maria Lina Marcucci
Per gli appuntamenti pomeridiani presso il Teatro Estate nella pineta di ponente a Viareggio vicino laghetto dei cigni , quest'oggi VENERDI 13 LUGLIO ci sarà un'ospite di prestigio: la Presidente della Fondazione Carnevale di Viareggio D.ssa Marialina Marcucci. Dopo il successo dell'incontro dello scorso anno, l'ospite risponderà alle domande dei conduttori Giulio Arnolieri e Francesco Borraccini e del pubblico presente. Inizio ore 18,00  ingresso libero. TIPO: Carnevale di Viareggio LUOGO: Teatro estate viale g. capponi n°10 pineta di ponente, Viareggio ORARIO: 18,00 INFORMAZIONI: teatro estate viale G. Capponi n°10 vicino laghetto dei cigni pineta di ponente viareggio

PIETRASANTA SOTTO LE STELLE
Scopriamo la storia e i tesori artistici della Piccola Atene. Una guida turistica abilitata e laureata in storia dell'arte vi accompagnerà in una passeggiata nella storia e nell'arte alla scoperta dei luoghi più significativi della città.Sarà un'occasione per vedere Pietrasanta con occhi diversi e assaporarne l'armonica bellezza.PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA Costo 8 euro, durata 90 minuti circaPunto di ritrovo: piazza del Duomo          TIPO: Eventi culturali LUOGO: Pietrasanta, Pietrasanta ORARIO: 21:30 INFORMAZIONI: 339 8806229 Tessa

DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA
Dal 14 giugno al 15 luglio 2018 si terrà a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA, dedicata all’opera di Giovannino Guareschi (a cura di Giorgio Casamatti, Guido Conti e Federica Sassi) in concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore. TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi ORARIO: 16:00 alle 23:00 INFORMAZIONI: - Telefono: 0584 787251

La forza del colore
Arriva a Forte dei Marmi la mostra “La Forza del Colore”, ospitata dal 1° al 13 luglio al Museo Ugo Guidi, organizzata in collaborazione con la galleria d’arte “L’Alunno” di Bologna e AsArtMagazine. Il taglio del nastro è previsto per domenica 1°luglio, alle ore 18:00, con una cerimonia presentata da Calogero Cordaro.La collettiva di arte, pittura e scultura vanta la partecipazione di artisti da tutta Italia: Anber, Angeli Maristella, Baruzzo Marco, Belloni Giulio, Bentini Gian Paolo, Bertoncelli Barbara, Bussolino Daniela, Colleoni Liliana, Conte Rosalida, Crisafio Marina, D’Amico Alessandro, D’Amico Francesca, D’Anna Nadia, Giovanni Frattini, Frigo Giacomo, Gladkova Elena, Guadagnucci Valentina, Keith Rosalind, Latini Fulvia, Massaria Luigina, Masuzzo Margherita, Mazzamuto Nunzio, Mineo Sara, Roberto Mondani, Maria Rita Onofri, Palma Aldo, Patti Cristina, Pecchia Lucia, Recchia Maurizio, Serrani Berardina, Strimbeanu Violeta.L’esposizione, inserita nel cartellone ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi, sarà aperta al pubblico tutti i giorni, ad eccezione di martedì, dalle 18:00 alle 20:00. È possibile altresì concordare visite su appuntamento, telefonando al numero 348 302 0538 o inviando una mail all’indirizzo .Si rende noto che una parte delle opere degli artisti verrà esposta al Logos Hotel (via Mazzini, 153), visitabile tutti i giorni, secondo l’orario 10:00-23:00. TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 10:00 a 23:00 INFORMAZIONI: 348 3020538 - Tel. 348-3020538

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

La Forza del Colore
Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi in collaborazione con La Galleria d’arte L’ALUNNO di Bologna ospita dall’1 al 13 luglio 2018 la mostra collettiva di arte dal titolo “La Forza del Colore” con la partecipazione dei seguenti artisti: Anber, Angeli Maristella, Baruzzo Marco, Belloni Giulio, Bentini Gian Paolo, Bertoncelli Barbara, Bussolino Daniela, Colleoni Liliana, Conte Rosalida, Crisafio Marina, D’Amico Alessandro, D’Amico Francesca, D’Anna Nadia, Giovanni Frattini, Frigo Giacomo, Gladkova Elena, Keith Rosalind, Latini Fulvia, Massaria Luigina, Masuzzo Margherita, Mazzamuto Nunzio, Mineo Sara, Roberto Mondani, Maria Rita Onofri, Palma Aldo, Patti Cristina, Pecchia Lucia, Recchia Maurizio, Serrani Berardina, Strimbeanu Violeta .La mostra, che è promossa e organizzata da AsART Magazine, sarà inaugurata Domenica 1 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione di Calogero Cordaro. L'esposizione sarà visitabile fino al 13 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere degli stessi artisti, tutti i giorni dalle 10 alle 23. La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e Forte Magazine TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 o su appuntamento - Martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

Con moto o mosso
 “I cento metri più affollati della Versilia” ospitano l’arte. Dal 30 giugno la Galleria Teseo Arte di Milano espone Franco Rota Candiani e Riccardo Gusmaroli all’Almarosa Forte dei Marmi. Ogni genesi implica un’azione, genera cinetica, mutamento, divenire, da immobile a mobile. In altre parole, il moto. Non esiste movimento, se non esistesse la stasi. L’estetica di Candiani (Milano 1939) nasce da lunghi periodi di gestazione concettuale ed esplora attraverso cromatismi materici i possibili moti collaterali a una causa-azione. Nelle sue opere succede qualcosa, non ci è dato sapere cosa, ma il mistero si disvela nell’onda d’urto che ne deriva: da un vuoto primordiale, che potremmo definire quasi esistenziale, fervide svirgolate cromatiche emergono tra spazi pieni e vuoti come un respiro, come onde e si propagano nello spazio, nel tempo, nel gesto. Così come in Candiani, la conseguenza genera azione, nell’opera Europa di Riccardo Gusmaroli il gioco dello spazio-tempo ne scandisce i vortici nautici che osano e sfidano le correnti del mare, come pure quelle ideologiche. Barchette fatte di carta, ma resistenti al mare, incedono ritmicamente e si involvono, quasi potrebbero persino scontrarsi in un punto cardine, come vortici di pensieri, che il maremagnum dell’animo umano può generare. La struttura ritmica delle due opere a confronto dialoga e suggerisce imprescindibilmente la sensazione musicale del moto, stuzzicando l’insinuarsi concettuale di essere di fronte a un ossimoro visivo squisitamente sottile, in cui ciò che matericamente appare fermo, in realtà si muove e tutto muove.  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Almarosa art music bar, Forte dei Marmi ORARIO: dalle 18:00 INFORMAZIONI: Teseo Arte info@teseoarte.com 02 91092271 - V.le Morin,89/A, 0584 82503 info@almarosa.it www.almarosa.it

DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA
70 immagini per raccontare la finzione che diventa realtàMostra dedicata all’opera di Giovannino Guareschi (a cura di Giorgio Casamatti, Guido Conti e Federica Sassi) in concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore.L’esposizione si inserisce nell’ambito delle iniziative “Aspettando il Premio Satira”, che si terrà dal 4 al 7 luglio, ed è promossa dall’Amministrazione comunale di Forte dei Marmi e dal Comitato Premio Satira in collaborazione con la Fondazione Villa Bertelli.In mostra circa 70 scatti di Osvaldo Civirani, scelti insieme ai figli di Giovannino Guareschi, che descrivono la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak.Sono immagini di scena che raccontano il regista Duvivier, Fernandel e Gino Cervi, prima o durante le scene, sempre però con un'ottica diversa e con un'angolazione trasversale che mettono in luce tutta la fatica e l'immenso lavoro necessario alla produzione di un film.Un racconto nel racconto, inventando un modo non banale per accompagnare il lettore nel mondo di Guareschi sul crinale tra cinema e letteratura, lungo quel labile confine che oscilla tra la letteratura che diventa cinema e il cinema che influenza poi la letteratura.Primo piano di Villa Bertelli  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi INFORMAZIONI: Ufficio Informazioni Turistiche Tel 0584 280253 - Telefono: 0584 787251

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Sabato 14 luglio

UNA RARA RANA NERA
Torna la commedia “Una rara rana nera” al Teatro Estate nella pineta di ponente a Viareggio vicino al laghetto dei cigni.                                    Questo è il titolo dello spettacolo che la compagnia lucchese “Teatro Giovani” porta in scena sul palco del teatro all'aperto della nostra città SABATO 14 LUGLIO. Si tratta di un lavoro che va a toccare un tema legato proprio al teatro e alle difficoltà e contraddizioni del movimento. Regìa di Ugo Manzini, che è anche uno degli interpreti. Inizio ore 21,15, il  ricavato andra in beneficienza. Organizzazione a cura della Associazione  onlus ”Per un futuro possibile”. TIPO: Teatro e danza LUOGO: Teatro estate viale g. capponi n°10 pineta di ponente, Viareggio ORARIO: 21,15 INFORMAZIONI: teatro estate viale G. Capponi n°10 vicino laghetto dei cigni pineta di ponente viareggio

SERAVEZZA SOTTO LE STELLE
Visita teatralizzata in abito ottocentescoSabato 14 luglio h 21.30 Ritrovo piazza Carducci (Seravezza)Luisetta Angiolini e Carlotta Bonaparte vi aspettano per una passeggiata nel centro storico di Seravezza e per scoprire insieme i segreti di Palazzo Mediceo.Al termine seguirà un Brindisi.Costo € 10,00, bambini fino a 10 anni gratuito.Prenotazione obbligatoria  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Seravezza centro, Seravezza ORARIO: 21:30 INFORMAZIONI: 339 8806229 o 349 1803349

BICICLETTATA TRA LE VILLE DI ROMA IMPERIALE
Iniziativa culturale nata per far scoprire le bellissime ville che popolanole silenziose vie di Forte dei Marmi.Avremo l'occasione di conoscere perle di fine Ottocento, inizi Novecentofino ad arrivare all'architettura degli anni Trenta.Il tour ha la durata di 90 minuti, il percorso stimato è di circa 5 km e altermine verrà offerto un aperitivo stuzzicante presso il Caffè Almarosa.Costo 10 euro adulti, bambini 5 euro.Ritrovo davanti alla Capannina di Franceschi.PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Forte dei Marmi (Forte dei Marmi), Forte dei Marmi ORARIO: 17:30 INFORMAZIONI: 349 1803349 o 339 8806229

Vintage E Vinile
Vintage e Vinile torna con due giorni dedicati al mondo vintage in Versilia: a Lido di Camaiore il 14 e 15 luglio.Tanto espositori di modernariato, vintage, vinile, collezionismo e antiquariato vi aspettano con pezzi unici.Fiera promozionale di abbigliamento vintage, accessori vintage, mobili vintage, ma anche una sezione dedicata ai collezionisti: vinili, fumetti, giocattoli, scatole d'epoca. TIPO: Mercatini LUOGO: Lungomare Europa, Lido di Camaiore ORARIO: dalle ore 9:00 INFORMAZIONI: Telefono 0584 617766

DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA
Dal 14 giugno al 15 luglio 2018 si terrà a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA, dedicata all’opera di Giovannino Guareschi (a cura di Giorgio Casamatti, Guido Conti e Federica Sassi) in concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore. TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi ORARIO: 16:00 alle 23:00 INFORMAZIONI: - Telefono: 0584 787251

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

Festival Pucciniano - Turandot
Opera Lirica TurandotMusica di Giacomo Puccini-Il Festival Puccini di Torre del Lago è uno degli eventi più attesi della ricca vita culturale della Toscana, il più importante festival lirico d’Italia e l’unico al mondo dedicato al compositore Giacomo Puccini che si svolge ogni estate, proprio nei luoghi  che  ispirarono al maestro Puccini le sue immortali melodie.Nato nel 1930 con il passare degli anni è diventato un appuntamento prestigioso capace di richiamare migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo che al Festival Puccini possono ascoltare le più grandi stelle della lirica, sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra, ed ammirare straordinari allestimenti curati dai più famosi registi dei capolavori pucciniani da Madama Butterfly, Turandot, La Bohème, Tosca a  Manon Lescaut. Le opere di Puccini vanno in scena in un grande teatro all’aperto di 3.400 posti, in riva al lago di Massaiuccoli, circondato dal verde proprio davanti alla Casa Museo del maestro Puccini dove sono custodite le spoglie del musicista e dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica di Puccini.Il museo, con decine di migliaia di appassionati che lo visitano ogni anno, è l’ideale punto di partenza alla scoperta di numerosi ed interessanti itinerari a tema che si snodano in tutta la provincia di Lucca e nelle più importanti città d’arte della Toscana. TIPO: Teatro e danza LUOGO: Gran teatro Giacomo Puccini Auditorium Enrico Caruso, Torre del Lago ORARIO: 21.15 INFORMAZIONI: 0584 359322 - Tel. 0584 350567

Con moto o mosso
 “I cento metri più affollati della Versilia” ospitano l’arte. Dal 30 giugno la Galleria Teseo Arte di Milano espone Franco Rota Candiani e Riccardo Gusmaroli all’Almarosa Forte dei Marmi. Ogni genesi implica un’azione, genera cinetica, mutamento, divenire, da immobile a mobile. In altre parole, il moto. Non esiste movimento, se non esistesse la stasi. L’estetica di Candiani (Milano 1939) nasce da lunghi periodi di gestazione concettuale ed esplora attraverso cromatismi materici i possibili moti collaterali a una causa-azione. Nelle sue opere succede qualcosa, non ci è dato sapere cosa, ma il mistero si disvela nell’onda d’urto che ne deriva: da un vuoto primordiale, che potremmo definire quasi esistenziale, fervide svirgolate cromatiche emergono tra spazi pieni e vuoti come un respiro, come onde e si propagano nello spazio, nel tempo, nel gesto. Così come in Candiani, la conseguenza genera azione, nell’opera Europa di Riccardo Gusmaroli il gioco dello spazio-tempo ne scandisce i vortici nautici che osano e sfidano le correnti del mare, come pure quelle ideologiche. Barchette fatte di carta, ma resistenti al mare, incedono ritmicamente e si involvono, quasi potrebbero persino scontrarsi in un punto cardine, come vortici di pensieri, che il maremagnum dell’animo umano può generare. La struttura ritmica delle due opere a confronto dialoga e suggerisce imprescindibilmente la sensazione musicale del moto, stuzzicando l’insinuarsi concettuale di essere di fronte a un ossimoro visivo squisitamente sottile, in cui ciò che matericamente appare fermo, in realtà si muove e tutto muove.  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Almarosa art music bar, Forte dei Marmi ORARIO: dalle 18:00 INFORMAZIONI: Teseo Arte info@teseoarte.com 02 91092271 - V.le Morin,89/A, 0584 82503 info@almarosa.it www.almarosa.it

DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA
70 immagini per raccontare la finzione che diventa realtàMostra dedicata all’opera di Giovannino Guareschi (a cura di Giorgio Casamatti, Guido Conti e Federica Sassi) in concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore.L’esposizione si inserisce nell’ambito delle iniziative “Aspettando il Premio Satira”, che si terrà dal 4 al 7 luglio, ed è promossa dall’Amministrazione comunale di Forte dei Marmi e dal Comitato Premio Satira in collaborazione con la Fondazione Villa Bertelli.In mostra circa 70 scatti di Osvaldo Civirani, scelti insieme ai figli di Giovannino Guareschi, che descrivono la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak.Sono immagini di scena che raccontano il regista Duvivier, Fernandel e Gino Cervi, prima o durante le scene, sempre però con un'ottica diversa e con un'angolazione trasversale che mettono in luce tutta la fatica e l'immenso lavoro necessario alla produzione di un film.Un racconto nel racconto, inventando un modo non banale per accompagnare il lettore nel mondo di Guareschi sul crinale tra cinema e letteratura, lungo quel labile confine che oscilla tra la letteratura che diventa cinema e il cinema che influenza poi la letteratura.Primo piano di Villa Bertelli  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi INFORMAZIONI: Ufficio Informazioni Turistiche Tel 0584 280253 - Telefono: 0584 787251

Francesca Michielin – Tour 2640
Francesca Michielin, dopo lo straordinario successo nei club, arriva a Forte dei Marmi con il Tour 2640Villa Bertelli, 14 Luglio 2018Battesimo versiliese per Francesca Michielin, che sabato 14 luglio sarà di scena a Forte dei Marmi, sul palco di Villa Bertelli.La giovanissima artista, fra le altre interpretazioni, proporrà il nuovo album “2640”, uscito a gennaio, che contiene 13 brani, fra i quali i singoli “Vulcano” e “Io non abito al mare”.La prevendita è già disponibile su Ticketmaster.it, TicketOne e in tutti i punti vendita autorizzatiPrezzi biglietti:Poltronissima Gold: 37,00 euroPoltronissima: 31,00 euroPrima poltrona: 26,00 euro TIPO: Concerti LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi ORARIO: 21.30 INFORMAZIONI: tel. 0584 787251 - Telefono: 0584 787251

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Domenica 15 luglio

RICCARDO ARRIGHINI
Grande appuntamento con la musica DOMENICA 15 LUGLIO al Teatro Estate nella pineta di ponente a Viareggio vicino laghetto dei cigni. Ospite dell'Associazione Onlus “Per un futuro possibile” sarà il pianista Riccardo Arrighini, viareggino doc e artista a livello nazionale e internazionale. Sarà l'occasione per ascoltare tanto del suo repertorio, oltre che conoscerlo meglio, dato che nell'occasione si racconterà al pubblico. Un "viaggio" attraverso 30 anni di musica suonata, composta, rivisitata, arrangiata, insegnata.Un mix tra brani di sua composizione, che puntano all'evocazione e alla melodia come da nostra millenaria tradizione, e di riletture in chiave jazz di pagine memorabili quali quelle pucciniane, in cui spiccano le armonie moderne e il senso dell'improvvisazione.Un alternarsi di momenti intensi ad altri virtuosistici per una serata che si preannuncia anche simpatica e con qualche sorpresa!                      Inizio ore 21,15, il  ricavato andrà  in beneficienza.  TIPO: Concerti LUOGO: Teatro estate viale g. capponi n°10 pineta di ponente, Viareggio ORARIO: 21,15 INFORMAZIONI: teatro estate viale G. Capponi n°10 vicino laghetto dei cigni pineta di ponente viareggio

L'ALTRO FORTE: IL CENTRO E VITTORIA APUANA
Un piacevole percorso in bicicletta sarà l’occasione per scoprire la storia di Forte dei Marmi e per conoscere i luoghi di interesse del centro e di Vittoria Apuana: il Fortino, il Magazzino del ferro, le statue di Dazzi e le ville di artisti e intellettuali.Seguirà aperitivo.Durata 90 minuti, percorso stimato 5 km circa.Costo € 10,00 euro, PRENOTAZIONE OBBLIGATORIAPunto di ritrovo: Pontile di Forte dei Marmi. TIPO: Eventi culturali LUOGO: Forte dei Marmi (Forte dei Marmi), Forte dei Marmi ORARIO: 17:30 INFORMAZIONI: 339 8806229 – 349 1803349

Lanciotto Baldanzi
141ª Mostra  “Museo Ugo Guidi”Museo Vivo e   "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"  presentano la mostra di pittura dell’artista  LANCIOTTO BALDANZI  A cura di Vittorio Guidi   Presentazione dell’artista  Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI 15    - 30 Luglio 2018    Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi. La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .L'esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23. Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949, inizia a dipingere fino dagli anni ’60. Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo. Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania. Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier. Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.“I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta , anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.Conobbi Lanciotto per pura casualità. Era un giorno d’agosto di due anni fa eTristano, suo figlio, mi portò a Terricciola per conoscere suo padre e per farmivedere il suo curioso mondo di cui avevo sentito parlare.Salendo le scale del condominio lo vidi sull’ingresso della sua casa con un grandesorriso nascosto dalla folta barba bianca. – Siete arrivati finalmente!- dissespalancando la porta e invitandoci dentro.Entrata nell’appartamento, non riuscii a credere ai miei occhi. Incisioni sui muri,preghiere, date, quadri completi e non, pezzi di carta ritagliati pronti per essereincollati, dipinti sul letto, al posto dei tappeti, contro le pareti del bagno e dellacucina. Non mi ritrovai in una casa, bensì, in un diario dove un uomo per anniaveva lasciato un segno dei suoi pensieri, dai più malinconici ai più amari.Coloratissime immagini surreali e oniriche facevano da cornice alle finestrecontro le brulle colline di fine estate.Lanciotto non parlò molto, o meglio, parlò molto, ma non troppo di sé, lasciò cheparlasse tutto quello che ci circondava ed io dopo quel giorno tornai a trovarlopiù volte ed ebbi la possibilità tra una piacevole chiacchiera e l’altra, diselezionare, fotografare e schedare con grande entusiasmo solo una minimaparte delle sue opere in una raccolta, con l’accordo di omettere alcuni titoli deiquadri, a lui profondamente ed intimamente cari.Non mi intendo d’Arte, ma rimasi davvero stupefatta da quel luogo, dalla suafigura e dalla sua immensa produzione.Ma la verità è che nessuno può rimanerne indifferente.”Allegra Santini  La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e su Forte Magazine    … Il MUG ha il sostegno della Fondazione Alimondo Ciampi onlus, del Logos Hotel, della Banca CC Versilia, Lunigiana e Garfagnana, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International  Council  Of  Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Piccoli Grandi Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Provincia di Massa – Carrara, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Sistema Museale della Versilia, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco. Memoria fotografica: Antonio Raffaelli, presidente Associazione Versiliese Audiovisivi Didattici.Partner: Accademia MAXI College Mosca (Russia), Art Institute of Nanjing University Nanchino (Cina), Villa Finaly Firenze Chancellerie des Universités de Paris - La Sorbonne, Associazione Open ART, Ente Ville Versiliesi,  Città Infinite, Historiavbc, MIIT Museo Internazionale  Italia Arte Torino, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Club Unesco “Carrara dei Marmi”, Associazione Ponte degli Artisti Milano, Associazione Internazionale ArtePozzo, Associazione Culturale Gli Otto Venti Pistoia, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International. La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi con lo “Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.   Media Partner: QN LA NAZIONE,  Arte33 Versilia, Forte International di PSE Editore, Just Beautiful,  Forte 100 Rivista, Italia Italy, Arte in Toscana, BestVersilia.com, Culturadelmarmo.it, LifeBeyondTourism, Inpuntadipennablog.it, Acculturarsi.blogspot.it, Agendaeventi.com, La Parentesi della Scrittura. Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E                                                                                    …Comitato Scientifico del Museo Ugo Guidi:Lorenzo Belli – Lodovico Gierut – Anna Vittoria Laghi - Massimo Pasqualone Piero Garibaldi - Pubbliche Relazioni MUG - Tel: 349.0908365  Facebook: Museo Ugo Guidi - Vittorio Guidi Twitter:     @MUSEOUGOGUIDI TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 - martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

Vintage E Vinile
Vintage e Vinile torna con due giorni dedicati al mondo vintage in Versilia: a Lido di Camaiore il 14 e 15 luglio.Tanto espositori di modernariato, vintage, vinile, collezionismo e antiquariato vi aspettano con pezzi unici.Fiera promozionale di abbigliamento vintage, accessori vintage, mobili vintage, ma anche una sezione dedicata ai collezionisti: vinili, fumetti, giocattoli, scatole d'epoca. TIPO: Mercatini LUOGO: Lungomare Europa, Lido di Camaiore ORARIO: dalle ore 9:00 INFORMAZIONI: Telefono 0584 617766

DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA
Dal 14 giugno al 15 luglio 2018 si terrà a Villa Bertelli, Forte dei Marmi, la mostra DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA, dedicata all’opera di Giovannino Guareschi (a cura di Giorgio Casamatti, Guido Conti e Federica Sassi) in concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore. TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi ORARIO: 16:00 alle 23:00 INFORMAZIONI: - Telefono: 0584 787251

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

Festival Pucciniano - TOSCA
Opera Lirica ToscaMusica di Giacomo Puccini-Il Festival Puccini di Torre del Lago è uno degli eventi più attesi della ricca vita culturale della Toscana, il più importante festival lirico d’Italia e l’unico al mondo dedicato al compositore Giacomo Puccini che si svolge ogni estate, proprio nei luoghi  che  ispirarono al maestro Puccini le sue immortali melodie.Nato nel 1930 con il passare degli anni è diventato un appuntamento prestigioso capace di richiamare migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo che al Festival Puccini possono ascoltare le più grandi stelle della lirica, sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra, ed ammirare straordinari allestimenti curati dai più famosi registi dei capolavori pucciniani da Madama Butterfly, Turandot, La Bohème, Tosca a  Manon Lescaut. Le opere di Puccini vanno in scena in un grande teatro all’aperto di 3.400 posti, in riva al lago di Massaiuccoli, circondato dal verde proprio davanti alla Casa Museo del maestro Puccini dove sono custodite le spoglie del musicista e dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica di Puccini.Il museo, con decine di migliaia di appassionati che lo visitano ogni anno, è l’ideale punto di partenza alla scoperta di numerosi ed interessanti itinerari a tema che si snodano in tutta la provincia di Lucca e nelle più importanti città d’arte della Toscana. TIPO: Teatro e danza LUOGO: Gran teatro Giacomo Puccini Auditorium Enrico Caruso, Torre del Lago ORARIO: 21.15 INFORMAZIONI: 0584 359322 - Tel. 0584 350567

Con moto o mosso
 “I cento metri più affollati della Versilia” ospitano l’arte. Dal 30 giugno la Galleria Teseo Arte di Milano espone Franco Rota Candiani e Riccardo Gusmaroli all’Almarosa Forte dei Marmi. Ogni genesi implica un’azione, genera cinetica, mutamento, divenire, da immobile a mobile. In altre parole, il moto. Non esiste movimento, se non esistesse la stasi. L’estetica di Candiani (Milano 1939) nasce da lunghi periodi di gestazione concettuale ed esplora attraverso cromatismi materici i possibili moti collaterali a una causa-azione. Nelle sue opere succede qualcosa, non ci è dato sapere cosa, ma il mistero si disvela nell’onda d’urto che ne deriva: da un vuoto primordiale, che potremmo definire quasi esistenziale, fervide svirgolate cromatiche emergono tra spazi pieni e vuoti come un respiro, come onde e si propagano nello spazio, nel tempo, nel gesto. Così come in Candiani, la conseguenza genera azione, nell’opera Europa di Riccardo Gusmaroli il gioco dello spazio-tempo ne scandisce i vortici nautici che osano e sfidano le correnti del mare, come pure quelle ideologiche. Barchette fatte di carta, ma resistenti al mare, incedono ritmicamente e si involvono, quasi potrebbero persino scontrarsi in un punto cardine, come vortici di pensieri, che il maremagnum dell’animo umano può generare. La struttura ritmica delle due opere a confronto dialoga e suggerisce imprescindibilmente la sensazione musicale del moto, stuzzicando l’insinuarsi concettuale di essere di fronte a un ossimoro visivo squisitamente sottile, in cui ciò che matericamente appare fermo, in realtà si muove e tutto muove.  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Almarosa art music bar, Forte dei Marmi ORARIO: dalle 18:00 INFORMAZIONI: Teseo Arte info@teseoarte.com 02 91092271 - V.le Morin,89/A, 0584 82503 info@almarosa.it www.almarosa.it

DON CAMILLO, PEPPONE E IL CROCIFISSO CHE PARLA
70 immagini per raccontare la finzione che diventa realtàMostra dedicata all’opera di Giovannino Guareschi (a cura di Giorgio Casamatti, Guido Conti e Federica Sassi) in concomitanza con le celebrazioni del cinquantenario della scomparsa dello scrittore.L’esposizione si inserisce nell’ambito delle iniziative “Aspettando il Premio Satira”, che si terrà dal 4 al 7 luglio, ed è promossa dall’Amministrazione comunale di Forte dei Marmi e dal Comitato Premio Satira in collaborazione con la Fondazione Villa Bertelli.In mostra circa 70 scatti di Osvaldo Civirani, scelti insieme ai figli di Giovannino Guareschi, che descrivono la preparazione delle scene, i momenti di riposo e di lavoro prima del ciak.Sono immagini di scena che raccontano il regista Duvivier, Fernandel e Gino Cervi, prima o durante le scene, sempre però con un'ottica diversa e con un'angolazione trasversale che mettono in luce tutta la fatica e l'immenso lavoro necessario alla produzione di un film.Un racconto nel racconto, inventando un modo non banale per accompagnare il lettore nel mondo di Guareschi sul crinale tra cinema e letteratura, lungo quel labile confine che oscilla tra la letteratura che diventa cinema e il cinema che influenza poi la letteratura.Primo piano di Villa Bertelli  TIPO: Eventi culturali LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi INFORMAZIONI: Ufficio Informazioni Turistiche Tel 0584 280253 - Telefono: 0584 787251

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Lunedì 16 luglio

Lanciotto Baldanzi
141ª Mostra  “Museo Ugo Guidi”Museo Vivo e   "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"  presentano la mostra di pittura dell’artista  LANCIOTTO BALDANZI  A cura di Vittorio Guidi   Presentazione dell’artista  Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI 15    - 30 Luglio 2018    Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi. La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .L'esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23. Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949, inizia a dipingere fino dagli anni ’60. Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo. Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania. Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier. Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.“I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta , anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.Conobbi Lanciotto per pura casualità. Era un giorno d’agosto di due anni fa eTristano, suo figlio, mi portò a Terricciola per conoscere suo padre e per farmivedere il suo curioso mondo di cui avevo sentito parlare.Salendo le scale del condominio lo vidi sull’ingresso della sua casa con un grandesorriso nascosto dalla folta barba bianca. – Siete arrivati finalmente!- dissespalancando la porta e invitandoci dentro.Entrata nell’appartamento, non riuscii a credere ai miei occhi. Incisioni sui muri,preghiere, date, quadri completi e non, pezzi di carta ritagliati pronti per essereincollati, dipinti sul letto, al posto dei tappeti, contro le pareti del bagno e dellacucina. Non mi ritrovai in una casa, bensì, in un diario dove un uomo per anniaveva lasciato un segno dei suoi pensieri, dai più malinconici ai più amari.Coloratissime immagini surreali e oniriche facevano da cornice alle finestrecontro le brulle colline di fine estate.Lanciotto non parlò molto, o meglio, parlò molto, ma non troppo di sé, lasciò cheparlasse tutto quello che ci circondava ed io dopo quel giorno tornai a trovarlopiù volte ed ebbi la possibilità tra una piacevole chiacchiera e l’altra, diselezionare, fotografare e schedare con grande entusiasmo solo una minimaparte delle sue opere in una raccolta, con l’accordo di omettere alcuni titoli deiquadri, a lui profondamente ed intimamente cari.Non mi intendo d’Arte, ma rimasi davvero stupefatta da quel luogo, dalla suafigura e dalla sua immensa produzione.Ma la verità è che nessuno può rimanerne indifferente.”Allegra Santini  La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e su Forte Magazine    … Il MUG ha il sostegno della Fondazione Alimondo Ciampi onlus, del Logos Hotel, della Banca CC Versilia, Lunigiana e Garfagnana, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International  Council  Of  Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Piccoli Grandi Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Provincia di Massa – Carrara, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Sistema Museale della Versilia, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco. Memoria fotografica: Antonio Raffaelli, presidente Associazione Versiliese Audiovisivi Didattici.Partner: Accademia MAXI College Mosca (Russia), Art Institute of Nanjing University Nanchino (Cina), Villa Finaly Firenze Chancellerie des Universités de Paris - La Sorbonne, Associazione Open ART, Ente Ville Versiliesi,  Città Infinite, Historiavbc, MIIT Museo Internazionale  Italia Arte Torino, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Club Unesco “Carrara dei Marmi”, Associazione Ponte degli Artisti Milano, Associazione Internazionale ArtePozzo, Associazione Culturale Gli Otto Venti Pistoia, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International. La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi con lo “Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.   Media Partner: QN LA NAZIONE,  Arte33 Versilia, Forte International di PSE Editore, Just Beautiful,  Forte 100 Rivista, Italia Italy, Arte in Toscana, BestVersilia.com, Culturadelmarmo.it, LifeBeyondTourism, Inpuntadipennablog.it, Acculturarsi.blogspot.it, Agendaeventi.com, La Parentesi della Scrittura. Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E                                                                                    …Comitato Scientifico del Museo Ugo Guidi:Lorenzo Belli – Lodovico Gierut – Anna Vittoria Laghi - Massimo Pasqualone Piero Garibaldi - Pubbliche Relazioni MUG - Tel: 349.0908365  Facebook: Museo Ugo Guidi - Vittorio Guidi Twitter:     @MUSEOUGOGUIDI TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 - martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Martedì 17 luglio

Lanciotto Baldanzi
141ª Mostra  “Museo Ugo Guidi”Museo Vivo e   "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"  presentano la mostra di pittura dell’artista  LANCIOTTO BALDANZI  A cura di Vittorio Guidi   Presentazione dell’artista  Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI 15    - 30 Luglio 2018    Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi. La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .L'esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23. Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949, inizia a dipingere fino dagli anni ’60. Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo. Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania. Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier. Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.“I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta , anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.Conobbi Lanciotto per pura casualità. Era un giorno d’agosto di due anni fa eTristano, suo figlio, mi portò a Terricciola per conoscere suo padre e per farmivedere il suo curioso mondo di cui avevo sentito parlare.Salendo le scale del condominio lo vidi sull’ingresso della sua casa con un grandesorriso nascosto dalla folta barba bianca. – Siete arrivati finalmente!- dissespalancando la porta e invitandoci dentro.Entrata nell’appartamento, non riuscii a credere ai miei occhi. Incisioni sui muri,preghiere, date, quadri completi e non, pezzi di carta ritagliati pronti per essereincollati, dipinti sul letto, al posto dei tappeti, contro le pareti del bagno e dellacucina. Non mi ritrovai in una casa, bensì, in un diario dove un uomo per anniaveva lasciato un segno dei suoi pensieri, dai più malinconici ai più amari.Coloratissime immagini surreali e oniriche facevano da cornice alle finestrecontro le brulle colline di fine estate.Lanciotto non parlò molto, o meglio, parlò molto, ma non troppo di sé, lasciò cheparlasse tutto quello che ci circondava ed io dopo quel giorno tornai a trovarlopiù volte ed ebbi la possibilità tra una piacevole chiacchiera e l’altra, diselezionare, fotografare e schedare con grande entusiasmo solo una minimaparte delle sue opere in una raccolta, con l’accordo di omettere alcuni titoli deiquadri, a lui profondamente ed intimamente cari.Non mi intendo d’Arte, ma rimasi davvero stupefatta da quel luogo, dalla suafigura e dalla sua immensa produzione.Ma la verità è che nessuno può rimanerne indifferente.”Allegra Santini  La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e su Forte Magazine    … Il MUG ha il sostegno della Fondazione Alimondo Ciampi onlus, del Logos Hotel, della Banca CC Versilia, Lunigiana e Garfagnana, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International  Council  Of  Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Piccoli Grandi Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Provincia di Massa – Carrara, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Sistema Museale della Versilia, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco. Memoria fotografica: Antonio Raffaelli, presidente Associazione Versiliese Audiovisivi Didattici.Partner: Accademia MAXI College Mosca (Russia), Art Institute of Nanjing University Nanchino (Cina), Villa Finaly Firenze Chancellerie des Universités de Paris - La Sorbonne, Associazione Open ART, Ente Ville Versiliesi,  Città Infinite, Historiavbc, MIIT Museo Internazionale  Italia Arte Torino, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Club Unesco “Carrara dei Marmi”, Associazione Ponte degli Artisti Milano, Associazione Internazionale ArtePozzo, Associazione Culturale Gli Otto Venti Pistoia, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International. La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi con lo “Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.   Media Partner: QN LA NAZIONE,  Arte33 Versilia, Forte International di PSE Editore, Just Beautiful,  Forte 100 Rivista, Italia Italy, Arte in Toscana, BestVersilia.com, Culturadelmarmo.it, LifeBeyondTourism, Inpuntadipennablog.it, Acculturarsi.blogspot.it, Agendaeventi.com, La Parentesi della Scrittura. Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E                                                                                    …Comitato Scientifico del Museo Ugo Guidi:Lorenzo Belli – Lodovico Gierut – Anna Vittoria Laghi - Massimo Pasqualone Piero Garibaldi - Pubbliche Relazioni MUG - Tel: 349.0908365  Facebook: Museo Ugo Guidi - Vittorio Guidi Twitter:     @MUSEOUGOGUIDI TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 - martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Mercoledì 18 luglio

DAVVERO UN BEL PARTY
Torna la commedia sul palco del Teatro Estate nella pineta di ponente a Viareggio vicino laghetto dei cigni  MERCOLEDI’ 18 LUGLIO la Compagnia pisana “La Tartaruga” presenta “Davvero un bel party”, liberamente tratta da “The dinner party” di Neil Simon.La regìa è di Alessandro Bargagna, che è anche uno degli interpreti.Inizio ore 21,15, ingresso in beneficienza.  TIPO: Teatro e danza LUOGO: Teatro estate viale g. capponi n°10 pineta di ponente, Viareggio ORARIO: 21,15 INFORMAZIONI: teatro estate viale G. Capponi n°10 vicino laghetto dei cigni pineta di ponente viareggio

Lanciotto Baldanzi
141ª Mostra  “Museo Ugo Guidi”Museo Vivo e   "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"  presentano la mostra di pittura dell’artista  LANCIOTTO BALDANZI  A cura di Vittorio Guidi   Presentazione dell’artista  Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI 15    - 30 Luglio 2018    Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi. La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .L'esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23. Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949, inizia a dipingere fino dagli anni ’60. Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo. Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania. Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier. Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.“I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta , anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.Conobbi Lanciotto per pura casualità. Era un giorno d’agosto di due anni fa eTristano, suo figlio, mi portò a Terricciola per conoscere suo padre e per farmivedere il suo curioso mondo di cui avevo sentito parlare.Salendo le scale del condominio lo vidi sull’ingresso della sua casa con un grandesorriso nascosto dalla folta barba bianca. – Siete arrivati finalmente!- dissespalancando la porta e invitandoci dentro.Entrata nell’appartamento, non riuscii a credere ai miei occhi. Incisioni sui muri,preghiere, date, quadri completi e non, pezzi di carta ritagliati pronti per essereincollati, dipinti sul letto, al posto dei tappeti, contro le pareti del bagno e dellacucina. Non mi ritrovai in una casa, bensì, in un diario dove un uomo per anniaveva lasciato un segno dei suoi pensieri, dai più malinconici ai più amari.Coloratissime immagini surreali e oniriche facevano da cornice alle finestrecontro le brulle colline di fine estate.Lanciotto non parlò molto, o meglio, parlò molto, ma non troppo di sé, lasciò cheparlasse tutto quello che ci circondava ed io dopo quel giorno tornai a trovarlopiù volte ed ebbi la possibilità tra una piacevole chiacchiera e l’altra, diselezionare, fotografare e schedare con grande entusiasmo solo una minimaparte delle sue opere in una raccolta, con l’accordo di omettere alcuni titoli deiquadri, a lui profondamente ed intimamente cari.Non mi intendo d’Arte, ma rimasi davvero stupefatta da quel luogo, dalla suafigura e dalla sua immensa produzione.Ma la verità è che nessuno può rimanerne indifferente.”Allegra Santini  La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e su Forte Magazine    … Il MUG ha il sostegno della Fondazione Alimondo Ciampi onlus, del Logos Hotel, della Banca CC Versilia, Lunigiana e Garfagnana, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International  Council  Of  Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Piccoli Grandi Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Provincia di Massa – Carrara, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Sistema Museale della Versilia, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco. Memoria fotografica: Antonio Raffaelli, presidente Associazione Versiliese Audiovisivi Didattici.Partner: Accademia MAXI College Mosca (Russia), Art Institute of Nanjing University Nanchino (Cina), Villa Finaly Firenze Chancellerie des Universités de Paris - La Sorbonne, Associazione Open ART, Ente Ville Versiliesi,  Città Infinite, Historiavbc, MIIT Museo Internazionale  Italia Arte Torino, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Club Unesco “Carrara dei Marmi”, Associazione Ponte degli Artisti Milano, Associazione Internazionale ArtePozzo, Associazione Culturale Gli Otto Venti Pistoia, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International. La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi con lo “Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.   Media Partner: QN LA NAZIONE,  Arte33 Versilia, Forte International di PSE Editore, Just Beautiful,  Forte 100 Rivista, Italia Italy, Arte in Toscana, BestVersilia.com, Culturadelmarmo.it, LifeBeyondTourism, Inpuntadipennablog.it, Acculturarsi.blogspot.it, Agendaeventi.com, La Parentesi della Scrittura. Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E                                                                                    …Comitato Scientifico del Museo Ugo Guidi:Lorenzo Belli – Lodovico Gierut – Anna Vittoria Laghi - Massimo Pasqualone Piero Garibaldi - Pubbliche Relazioni MUG - Tel: 349.0908365  Facebook: Museo Ugo Guidi - Vittorio Guidi Twitter:     @MUSEOUGOGUIDI TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 - martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Giovedì 19 luglio

Sagra Ranocchiocciola 2018
Oltre alle chiocciole ed ai ranocchi cucinati ad arte per gli appassionati, si possono degustare piatti tipici della cucina versiliese come il cacciucco.In oltre: pizzeria con forno a legna, gelateria, sala giochi, gioco della tombola, orchestra e balli.Ampio parcheggio  TIPO: Sagre LUOGO: Parco degli sterpeti, Massarosa ORARIO: 19.00 INFORMAZIONI: Tel. 0584 938245 / 328 4542414 - Via degli Sterpeti

Lanciotto Baldanzi
141ª Mostra  “Museo Ugo Guidi”Museo Vivo e   "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"  presentano la mostra di pittura dell’artista  LANCIOTTO BALDANZI  A cura di Vittorio Guidi   Presentazione dell’artista  Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI 15    - 30 Luglio 2018    Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi. La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .L'esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23. Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949, inizia a dipingere fino dagli anni ’60. Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo. Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania. Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier. Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.“I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta , anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.Conobbi Lanciotto per pura casualità. Era un giorno d’agosto di due anni fa eTristano, suo figlio, mi portò a Terricciola per conoscere suo padre e per farmivedere il suo curioso mondo di cui avevo sentito parlare.Salendo le scale del condominio lo vidi sull’ingresso della sua casa con un grandesorriso nascosto dalla folta barba bianca. – Siete arrivati finalmente!- dissespalancando la porta e invitandoci dentro.Entrata nell’appartamento, non riuscii a credere ai miei occhi. Incisioni sui muri,preghiere, date, quadri completi e non, pezzi di carta ritagliati pronti per essereincollati, dipinti sul letto, al posto dei tappeti, contro le pareti del bagno e dellacucina. Non mi ritrovai in una casa, bensì, in un diario dove un uomo per anniaveva lasciato un segno dei suoi pensieri, dai più malinconici ai più amari.Coloratissime immagini surreali e oniriche facevano da cornice alle finestrecontro le brulle colline di fine estate.Lanciotto non parlò molto, o meglio, parlò molto, ma non troppo di sé, lasciò cheparlasse tutto quello che ci circondava ed io dopo quel giorno tornai a trovarlopiù volte ed ebbi la possibilità tra una piacevole chiacchiera e l’altra, diselezionare, fotografare e schedare con grande entusiasmo solo una minimaparte delle sue opere in una raccolta, con l’accordo di omettere alcuni titoli deiquadri, a lui profondamente ed intimamente cari.Non mi intendo d’Arte, ma rimasi davvero stupefatta da quel luogo, dalla suafigura e dalla sua immensa produzione.Ma la verità è che nessuno può rimanerne indifferente.”Allegra Santini  La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e su Forte Magazine    … Il MUG ha il sostegno della Fondazione Alimondo Ciampi onlus, del Logos Hotel, della Banca CC Versilia, Lunigiana e Garfagnana, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International  Council  Of  Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Piccoli Grandi Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Provincia di Massa – Carrara, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Sistema Museale della Versilia, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco. Memoria fotografica: Antonio Raffaelli, presidente Associazione Versiliese Audiovisivi Didattici.Partner: Accademia MAXI College Mosca (Russia), Art Institute of Nanjing University Nanchino (Cina), Villa Finaly Firenze Chancellerie des Universités de Paris - La Sorbonne, Associazione Open ART, Ente Ville Versiliesi,  Città Infinite, Historiavbc, MIIT Museo Internazionale  Italia Arte Torino, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Club Unesco “Carrara dei Marmi”, Associazione Ponte degli Artisti Milano, Associazione Internazionale ArtePozzo, Associazione Culturale Gli Otto Venti Pistoia, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International. La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi con lo “Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.   Media Partner: QN LA NAZIONE,  Arte33 Versilia, Forte International di PSE Editore, Just Beautiful,  Forte 100 Rivista, Italia Italy, Arte in Toscana, BestVersilia.com, Culturadelmarmo.it, LifeBeyondTourism, Inpuntadipennablog.it, Acculturarsi.blogspot.it, Agendaeventi.com, La Parentesi della Scrittura. Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E                                                                                    …Comitato Scientifico del Museo Ugo Guidi:Lorenzo Belli – Lodovico Gierut – Anna Vittoria Laghi - Massimo Pasqualone Piero Garibaldi - Pubbliche Relazioni MUG - Tel: 349.0908365  Facebook: Museo Ugo Guidi - Vittorio Guidi Twitter:     @MUSEOUGOGUIDI TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 - martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

TAGLIARINO CO' FAGIOLI
La parrocchia di vado in collaborazione con il Rione Vado, organizza la sagra "Tagliarino co' fagioli".A Vado davanti alle Scuole Elementari potrete gustare piatti di cucina casalinga, degustazioni, birra&long drink.Ampio parcheggio e area giochi per bambini. TIPO: Sagre LUOGO: Vado, "Presso scuole elementari", Vado INFORMAZIONI: - Parrocchia Vado

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

Notte Arcobaleno 3
Querceta di Seravezza (LU) la notte più colorata dell'estate versiliese: la "Notte Arcobaleno"! Giunta ormai alla sua terza edizione, le Piazze e Vie del paese saranno pronte ad accogliere tanti spettacoli: musica rap, rock, latino americana, irlandese e piratesca, balli di gruppo, banchi di street food e naturalmente il mercatino dell'artigianato ed antiquariato. Per i più piccoli saranno inoltre presenti giochi gonfiabili, truccabimbi, palloncini e animazione con Peppa Pig, la maialina più popolare della TV. I partecipanti alla festa riceveranno inoltre un simpatico e colorato omaggio. Una serata di divertimento assicurato per tutti.  TIPO: Feste ed animazioni LUOGO: Piazza Giacomo Matteotti, Querceta ORARIO: dalle ore 18.00 INFORMAZIONI: 393 6351713

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Venerdì 20 luglio

Sagra Dell'Ardore
La Sagra dell'Ardore si terrà a Querceta.Immersa in uliveto secolare, la Sagra dell'Ardore è un evento gastronomico che offre una vasta scelta di specialità della cucina versiliese, proponendo ogni sera un menù differente. Nel menù troviamo squisitezze come tordelli, primi di pesce, carne alla griglia, panzanelle, bomboloni, dolci casalinghi, salumi e vini locali.Tutte le sere non mancherà l'animazione con il tombolone, attrazioni e giochi per bambini, e a seguire musica dal vivo e balli con le migliori orchestre della zona.Gli stand gastronomici aprono la sera per cena. È possibile anche prenotare un tavolo al numero indicato tra i dettagli dell'evento. Il luogo della sagra è raggiungibile facilmente dalla via Aurelia, superando il cavalcavia sopra la ferrovia, in direzione di Seravezza. La località dell'evento è nota col nome di Marzocchino. L'area dispone di ampio parcheggio. TIPO: Sagre LUOGO: Via Alpi Apuane, Zona Cavalcavia, Querceta INFORMAZIONI: Walter: 338 3621411 - -

Blues Festival 2018
Il Seravezza Blues Festival si evolve. Progredisce ancora, conservando comunque la sua fortissima identità musicale e territoriale. La kermesse di musica internazionale ad ingresso gratuito, giunta alla quarta edizione, quest’anno si svolgerà su tre serate: venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio. Un inedito nella storia recente, ma già significativa di un evento capace di imporsi da subito come uno degli appuntamenti di maggior rilievo non solo in Toscana, ma in tutta Italia. Una formula estesa ulteriormente per coinvolgere un pubblico sempre più vasto e variegato.Non cambierà, invece, la location: sul palco allestito nel giardino di Palazzo Mediceo (di fronte all’entrata principale dell’edificio patrimonio dell’Unesco), si alterneranno star internazionali e giovani band locali per un omaggio al blues e alle sue svariate declinazioni. LE DATEIl primo appuntamento, quello di venerdì 20 luglio, sarà dedicato alle finali del concorso “Road to Seravezza Blues”: le migliori band emergenti del panorama toscano potranno così esibirsi in un contesto prestigioso durante una Opening Night a cui parteciperà una giuria nazionale altamente qualificata e condotta da una personalità d’eccezione della scena musicale italiana. La seconda serata (sabato 21 luglio) sarà invece incentrata sul blues popolare, in occasione dei 40 anni esatti dalla formazione dei Blues Brothers. Un omaggio agli artisti che hanno fatto la storia di questo genere. Il gran finale domenica 22 luglio, con le performance di interpreti che abbracceranno ogni fase (passato, presente e futuro) del blues internazionale. TIPO: Eventi culturali LUOGO: Palazzo Mediceo Viale L. Amadei, 230 (Seravezza), Seravezza ORARIO: dalle ore 17:00 INFORMAZIONI: - 0584 756046

MARCO SODINI
Appuntamento con il grande sport sul palco del Teatro Estate nella pineta di ponente a Viareggio.                                                           Ospite dell'Associazione Onlus “Per un futuro possibile” sarà quest'oggi VENERDI 20 LUGLIO Marco Sodini, allenatore di basket (lo scorso campionato a Cantù in serie A1 e premiato come terzo migliore allenatore italiano) e viareggino purosangue.                                           Al microfono di Francesco Borraccini racconterà la sua carriera e le sue aspettative per l'avventura del prossimo campionato che lo porterà sulla panchina di Capo d'Orlando in A2. Inizio ore 18,00.                       Ingresso libero. TIPO: Sport LUOGO: Teatro estate viale g. capponi n°10 pineta di ponente, Viareggio ORARIO: 18,00 INFORMAZIONI: teatro estate viale G. Capponi n°10 vicino laghetto dei cigni pineta di ponente viareggio

Cinquale Street Food 2018
Tra la Riviera Apuana e la Versilia..........per gli appassionati di cibo di strada di qualità c'è un evento assolutamente da non perdere: Cinquale Street Food 2018.  Cinquale, rinomatissima località balneare del comune di Montignoso (MS) diventerà per un intero weekend, capitale dello Street Food, ospitato lungo Via della Libertà.Tre giorni all'insegna del gusto con i migliori Food Truck, le cui cucine su ruote saranno assolute protagoniste, proponendo tanto buon cibo per tutti i gusti e palati. L'organizzazione è di Luna Eventi, lo specialista dello Street Food in Versilia e dintorni. TIPO: Sagre LUOGO: Cinquale - Street Food, Cinquale ORARIO: 20/07 --> 17:00 - 24:00 21-22/07 --> 11:00 - 24:00 INFORMAZIONI: 328 2924970 - Via della Libertà

Sagra Ranocchiocciola 2018
Oltre alle chiocciole ed ai ranocchi cucinati ad arte per gli appassionati, si possono degustare piatti tipici della cucina versiliese come il cacciucco.In oltre: pizzeria con forno a legna, gelateria, sala giochi, gioco della tombola, orchestra e balli.Ampio parcheggio  TIPO: Sagre LUOGO: Parco degli sterpeti, Massarosa ORARIO: 19.00 INFORMAZIONI: Tel. 0584 938245 / 328 4542414 - Via degli Sterpeti

Lanciotto Baldanzi
141ª Mostra  “Museo Ugo Guidi”Museo Vivo e   "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"  presentano la mostra di pittura dell’artista  LANCIOTTO BALDANZI  A cura di Vittorio Guidi   Presentazione dell’artista  Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI 15    - 30 Luglio 2018    Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi. La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .L'esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23. Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949, inizia a dipingere fino dagli anni ’60. Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo. Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania. Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier. Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.“I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta , anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.Conobbi Lanciotto per pura casualità. Era un giorno d’agosto di due anni fa eTristano, suo figlio, mi portò a Terricciola per conoscere suo padre e per farmivedere il suo curioso mondo di cui avevo sentito parlare.Salendo le scale del condominio lo vidi sull’ingresso della sua casa con un grandesorriso nascosto dalla folta barba bianca. – Siete arrivati finalmente!- dissespalancando la porta e invitandoci dentro.Entrata nell’appartamento, non riuscii a credere ai miei occhi. Incisioni sui muri,preghiere, date, quadri completi e non, pezzi di carta ritagliati pronti per essereincollati, dipinti sul letto, al posto dei tappeti, contro le pareti del bagno e dellacucina. Non mi ritrovai in una casa, bensì, in un diario dove un uomo per anniaveva lasciato un segno dei suoi pensieri, dai più malinconici ai più amari.Coloratissime immagini surreali e oniriche facevano da cornice alle finestrecontro le brulle colline di fine estate.Lanciotto non parlò molto, o meglio, parlò molto, ma non troppo di sé, lasciò cheparlasse tutto quello che ci circondava ed io dopo quel giorno tornai a trovarlopiù volte ed ebbi la possibilità tra una piacevole chiacchiera e l’altra, diselezionare, fotografare e schedare con grande entusiasmo solo una minimaparte delle sue opere in una raccolta, con l’accordo di omettere alcuni titoli deiquadri, a lui profondamente ed intimamente cari.Non mi intendo d’Arte, ma rimasi davvero stupefatta da quel luogo, dalla suafigura e dalla sua immensa produzione.Ma la verità è che nessuno può rimanerne indifferente.”Allegra Santini  La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e su Forte Magazine    … Il MUG ha il sostegno della Fondazione Alimondo Ciampi onlus, del Logos Hotel, della Banca CC Versilia, Lunigiana e Garfagnana, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International  Council  Of  Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Piccoli Grandi Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Provincia di Massa – Carrara, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Sistema Museale della Versilia, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco. Memoria fotografica: Antonio Raffaelli, presidente Associazione Versiliese Audiovisivi Didattici.Partner: Accademia MAXI College Mosca (Russia), Art Institute of Nanjing University Nanchino (Cina), Villa Finaly Firenze Chancellerie des Universités de Paris - La Sorbonne, Associazione Open ART, Ente Ville Versiliesi,  Città Infinite, Historiavbc, MIIT Museo Internazionale  Italia Arte Torino, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Club Unesco “Carrara dei Marmi”, Associazione Ponte degli Artisti Milano, Associazione Internazionale ArtePozzo, Associazione Culturale Gli Otto Venti Pistoia, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International. La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi con lo “Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.   Media Partner: QN LA NAZIONE,  Arte33 Versilia, Forte International di PSE Editore, Just Beautiful,  Forte 100 Rivista, Italia Italy, Arte in Toscana, BestVersilia.com, Culturadelmarmo.it, LifeBeyondTourism, Inpuntadipennablog.it, Acculturarsi.blogspot.it, Agendaeventi.com, La Parentesi della Scrittura. Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E                                                                                    …Comitato Scientifico del Museo Ugo Guidi:Lorenzo Belli – Lodovico Gierut – Anna Vittoria Laghi - Massimo Pasqualone Piero Garibaldi - Pubbliche Relazioni MUG - Tel: 349.0908365  Facebook: Museo Ugo Guidi - Vittorio Guidi Twitter:     @MUSEOUGOGUIDI TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 - martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

TAGLIARINO CO' FAGIOLI
La parrocchia di vado in collaborazione con il Rione Vado, organizza la sagra "Tagliarino co' fagioli".A Vado davanti alle Scuole Elementari potrete gustare piatti di cucina casalinga, degustazioni, birra&long drink.Ampio parcheggio e area giochi per bambini. TIPO: Sagre LUOGO: Vado, "Presso scuole elementari", Vado INFORMAZIONI: - Parrocchia Vado

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

Festival Pucciniano - MADAMA BUTTERFLY
Opera Lirica Madama ButterflyMusica di Giacomo Puccini-Il Festival Puccini di Torre del Lago è uno degli eventi più attesi della ricca vita culturale della Toscana, il più importante festival lirico d’Italia e l’unico al mondo dedicato al compositore Giacomo Puccini che si svolge ogni estate, proprio nei luoghi  che  ispirarono al maestro Puccini le sue immortali melodie.Nato nel 1930 con il passare degli anni è diventato un appuntamento prestigioso capace di richiamare migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo che al Festival Puccini possono ascoltare le più grandi stelle della lirica, sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra, ed ammirare straordinari allestimenti curati dai più famosi registi dei capolavori pucciniani da Madama Butterfly, Turandot, La Bohème, Tosca a  Manon Lescaut. Le opere di Puccini vanno in scena in un grande teatro all’aperto di 3.400 posti, in riva al lago di Massaiuccoli, circondato dal verde proprio davanti alla Casa Museo del maestro Puccini dove sono custodite le spoglie del musicista e dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica di Puccini.Il museo, con decine di migliaia di appassionati che lo visitano ogni anno, è l’ideale punto di partenza alla scoperta di numerosi ed interessanti itinerari a tema che si snodano in tutta la provincia di Lucca e nelle più importanti città d’arte della Toscana. TIPO: Teatro e danza LUOGO: Gran teatro Giacomo Puccini Auditorium Enrico Caruso, Torre del Lago ORARIO: 21.15 INFORMAZIONI: 0584 359322 - Tel. 0584 350567

Igor Butman & Moscov Jazz Orchestra accompagnati da Oleg Akkuratov al piano e canto
Igor Butman, sassofonista, produttore, artista del popolo della Federazione Russa, presidente della Igor Butman Music Group, direttore artistico della Moscow Jazz Orchestra, presidente della JAB forum&festival, e giustamente ritenuto il più grande rappresentante russo di musica jazz sulla scena mondiale, salirà sul palco di Vittoria Apuana venerdi 20 luglio insieme alla Moscow Jazz Orchestra ed accompagnato al piano e canto da Oleg Akkuratov.La Moscow Jazz Orchestra, definita dal Downbeat Magazine come “un complesso di virtuosi”, è una tra le migliori orchestre di jazz, con 17 eccellenti jazzisti. E’ stata fondata nel 1999 dal sassofonista di fama internazionale Igor Butman ed è stata denominata Igor Butman Orchestra.Da quel momento in poi la Big Band ha partecipato e numerose tournée in Russia, Europa e negli Stati Uniti, suonando in alcuni tra i più prestigiosi locali di musica jazz, tra i quali la Carnegie Hall, il Lincon Center, il “Birdland” e molti altri. A partire dal 2012 la Igor Butman Orchestra ha preso il nome di The Moscow Jazz Orchestra, diretta dallo stesso Butman.Prevendite:I biglietti sono in prevendita su Tiketone e nei punti vendita autorizzatiPrezzi biglietti:Poltronissima:  50,00 euroPoltrona:   20,00 euro TIPO: Concerti LUOGO: Villa Bertelli Via Giuseppe Mazzini, 200, Forte dei Marmi ORARIO: 21.30 INFORMAZIONI: tel. 0584 787251 - Telefono: 0584 787251

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

IL SERAVEZZA BLUES FESTIVAL SI FA IN TRE
La quarta edizione della kermesse internazionale (ad ingresso gratuito) si svolgerà venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio nel giardino di Palazzo Mediceo Il Seravezza Blues Festival si evolve. Progredisce ancora, conservando comunque la sua fortissima identità musicale e territoriale. La kermesse di musica internazionale ad ingresso gratuito, giunta alla quarta edizione, quest’anno si svolgerà su tre serate: venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio. Un inedito nella storia recente, ma già significativa di un evento capace di imporsi da subito come uno degli appuntamenti di maggior rilievo non solo in Toscana, ma in tutta Italia. Una formula estesa ulteriormente per coinvolgere un pubblico sempre più vasto e variegato.Non cambierà, invece, la location: sul palco allestito nel giardino di Palazzo Mediceo (di fronte all’entrata principale dell’edificio patrimonio dell’Unesco), si alterneranno star internazionali e giovani band locali per un omaggio al blues e alle sue svariate declinazioni.LA STORIAIl Seravezza Blues Festival rappresenta l’evento principale dell’associazione culturale “Alexandre Mattei”, fondata in ricordo del musicista pietrasantino scomparso prematuramente nel 2015 ed impegnata in vari progetti a scopo benefico. Proprio in quell’anno si è svolta la prima edizione della rassegna, tenuta a battesimo dal leggendario Guitar Crusher, al cui concerto – nel giardino adiacente alla Villa Medicea – hanno assistito oltre 1500 persone. Successo bissato nel 2016, quando di fronte a circa 2000 persone si sono esibiti – sempre in data unica – alcuni tra i nomi più interessanti del panorama blues europeo come Marcos Coll, Tom Blacksmith e Jaime Dolce. Il 2017 è stato l’anno della svolta per il Seravezza Blues Festival: non più una bensì due date (con due ospiti di primissimo livello, McKinley Moore e Ana Popovic), spostamento della venue nel giardino di fronte a Palazzo Mediceo, nascita del Villaggio del Blues, con mercatini e mostre di esposizione musicale e inaugurazione della sezione “Proposte” con il concorso “Road to Seravezza Blues”. Oltre 5000 le persone che hanno preso complessivamente parte all’evento.LE DATEIl primo appuntamento, quello di venerdì 20 luglio, sarà dedicato alle finali del concorso “Road to Seravezza Blues”: le migliori band emergenti del panorama toscano potranno così esibirsi in un contesto prestigioso durante una Opening Night a cui parteciperà una giuria nazionale altamente qualificata e condotta da una personalità d’eccezione della scena musicale italiana. La seconda serata (sabato 21 luglio) sarà invece incentrata sul blues popolare, in occasione dei 40 anni esatti dalla formazione dei Blues Brothers. Un omaggio agli artisti che hanno fatto la storia di questo genere. Il gran finale domenica 22 luglio, con le performance di interpreti che abbracceranno ogni fase (passato, presente e futuro) del blues internazionale.LE INIZIATIVE COLLATERALINon solo concerti live. Molti saranno infatti gli appuntamenti a margine delle tre serate del Seravezza Blues Festival: il Teatro Mediceo alle Scuderie ospiterà iniziative culturali e didattiche legate alla musica, tra cui masterclass con artisti internazionali e locali, oltre a diversi incontri durante l’intero week-end. In piazza Carducci e nell’area del Duomo sono previsti eventi ludici e promozionali collegati al Festival, la cui apertura è confermata (e potenziata) sin dal pomeriggio, con mercatini a tema musicale (con espositori di settore), enogastronomici (produttori e distributori del territorio) oltre agli spazi per i bambini (con giochi e animazione).IL VILLAGGIO DEL BLUESDi fronte al palco, per il secondo anno consecutivo, troverà spazio il Villaggio del Blues, all’interno del quale si potranno degustare ottime birre artigianali a km zero, prodotti gastronomici locali e dove saranno presenti spazi espositivi e di vendita di strumenti musicali, liuteria, merchandising blues, bike e motorcycles, dischi e vinili.IL DOCU-FILMAnche in occasione della quarta edizione del Seravezza Blues Festival verranno effettuate riprese (a cura del regista Stefano Leone) con interviste ad artisti, organizzatori, autorità e pubblico. Il progetto, avviato nel 2017, ha come obiettivo la realizzazione di un docu-film sull’evento e la figura di Alexandre Mattei. Un veicolo di divulgazione musicale e culturale, nonché di promozione della Versilia.PATROCINI E SOSTEGNISostenuto dalla Fondazione Terre Medicee, con il patrocinio del comune di Seravezza e il contributo della Banca del Credito Cooperativo della Versilia, il Seravezza Blues Festival genera ricadute economiche di rilievo sul territorio garantendo lavoro agli espositori (al 90% locali) del Villaggio del Blues e alle strutture alberghiere limitrofe che ospitano artisti e crew delle band.I PROGETTI DI CHARITYMusica per tutti non è un mero slogan, ma un messaggio che trova riscontro concreto nell’opera di solidarietà dell’associazione presieduta da Giuseppe Campatelli. Tra i progetti realizzati ci sono la consegna di un defibrillatore istallato presso la palestra Tommasi di Pietrasanta, l’acquisto di strumenti musicali per la Filarmonica di Riomagno e Azzano utilizzati a fini didattici e la donazione di fondi all’ospedale Opa di Massa utili a comprare macchinari per la cura e prevenzione delle patologie cardiache neonatali. Anche quest’anno parte del ricavato sarà devoluta a scopo benefico.FUNDRAISING E AUTOFINANZIAMENTOIl Seravezza Blues Festival è a ingresso gratuito, peculiarità mantenuta sin dalla prima edizione. Questo evento vive esclusivamente di finanziamenti diretti da parte di enti pubblici e bancari, accordi di sponsorizzazione con aziende private, a cui si affianca una attività di autofinanziamento e raccolta sul territorio. Vengono sviluppate inoltre diverse iniziative, tra cui una lotteria con in palio premi offerti da esercizi commercianti locali ed un crowdfunding nazionale. TIPO: Concerti LUOGO: Palazzo Mediceo Viale L. Amadei, 230 (Seravezza), Seravezza ORARIO: ore 21.00 INFORMAZIONI: - 0584 756046

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Sabato 21 luglio

Sagra Dell'Ardore
La Sagra dell'Ardore si terrà a Querceta.Immersa in uliveto secolare, la Sagra dell'Ardore è un evento gastronomico che offre una vasta scelta di specialità della cucina versiliese, proponendo ogni sera un menù differente. Nel menù troviamo squisitezze come tordelli, primi di pesce, carne alla griglia, panzanelle, bomboloni, dolci casalinghi, salumi e vini locali.Tutte le sere non mancherà l'animazione con il tombolone, attrazioni e giochi per bambini, e a seguire musica dal vivo e balli con le migliori orchestre della zona.Gli stand gastronomici aprono la sera per cena. È possibile anche prenotare un tavolo al numero indicato tra i dettagli dell'evento. Il luogo della sagra è raggiungibile facilmente dalla via Aurelia, superando il cavalcavia sopra la ferrovia, in direzione di Seravezza. La località dell'evento è nota col nome di Marzocchino. L'area dispone di ampio parcheggio. TIPO: Sagre LUOGO: Via Alpi Apuane, Zona Cavalcavia, Querceta INFORMAZIONI: Walter: 338 3621411 - -

Blues Festival 2018
Il Seravezza Blues Festival si evolve. Progredisce ancora, conservando comunque la sua fortissima identità musicale e territoriale. La kermesse di musica internazionale ad ingresso gratuito, giunta alla quarta edizione, quest’anno si svolgerà su tre serate: venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio. Un inedito nella storia recente, ma già significativa di un evento capace di imporsi da subito come uno degli appuntamenti di maggior rilievo non solo in Toscana, ma in tutta Italia. Una formula estesa ulteriormente per coinvolgere un pubblico sempre più vasto e variegato.Non cambierà, invece, la location: sul palco allestito nel giardino di Palazzo Mediceo (di fronte all’entrata principale dell’edificio patrimonio dell’Unesco), si alterneranno star internazionali e giovani band locali per un omaggio al blues e alle sue svariate declinazioni. LE DATEIl primo appuntamento, quello di venerdì 20 luglio, sarà dedicato alle finali del concorso “Road to Seravezza Blues”: le migliori band emergenti del panorama toscano potranno così esibirsi in un contesto prestigioso durante una Opening Night a cui parteciperà una giuria nazionale altamente qualificata e condotta da una personalità d’eccezione della scena musicale italiana. La seconda serata (sabato 21 luglio) sarà invece incentrata sul blues popolare, in occasione dei 40 anni esatti dalla formazione dei Blues Brothers. Un omaggio agli artisti che hanno fatto la storia di questo genere. Il gran finale domenica 22 luglio, con le performance di interpreti che abbracceranno ogni fase (passato, presente e futuro) del blues internazionale. TIPO: Eventi culturali LUOGO: Palazzo Mediceo Viale L. Amadei, 230 (Seravezza), Seravezza ORARIO: dalle ore 17:00 INFORMAZIONI: - 0584 756046

Sagra Del Magnifico Tordello
Farnocchia, frazione apuana del comune di Stazzema (LU), sarà di nuovo teatro della Sagra del Magnifico Tordello.L'evento si terrà i giorni 21-22 luglio.A farla da padrone nel menù della sagra c'è ovviamente il tordello al sugo di carne, vera istituzione locale.Si potranno comunque provare altri piatti tipici della cucina apuana come sgabei (pasta di pane fritta), stinco di maiale e vari tipi di carne alla brace. Per chi lo desidera, ci sarà a disposizione anche un piatto vegetariano.Gli stand gastronomici resteranno aperti la sera dalle 19:00.Dopo cena si balla con musica dal vivo.Per raggiungere il luogo della sagra gli organizzatori hanno previsto un servizio di bus navetta gratuito, segnalato lungo la strada.Da non perdere il bellissimo panorama sulle Alpi Apuane che si gode dal punto di imbarco della navetta. TIPO: Sagre LUOGO: Farnocchia, Farnocchia ORARIO: 19:00 INFORMAZIONI: filarmonicafarnocchia@gmail.com

Cinquale Street Food 2018
Tra la Riviera Apuana e la Versilia..........per gli appassionati di cibo di strada di qualità c'è un evento assolutamente da non perdere: Cinquale Street Food 2018.  Cinquale, rinomatissima località balneare del comune di Montignoso (MS) diventerà per un intero weekend, capitale dello Street Food, ospitato lungo Via della Libertà.Tre giorni all'insegna del gusto con i migliori Food Truck, le cui cucine su ruote saranno assolute protagoniste, proponendo tanto buon cibo per tutti i gusti e palati. L'organizzazione è di Luna Eventi, lo specialista dello Street Food in Versilia e dintorni. TIPO: Sagre LUOGO: Cinquale - Street Food, Cinquale ORARIO: 20/07 --> 17:00 - 24:00 21-22/07 --> 11:00 - 24:00 INFORMAZIONI: 328 2924970 - Via della Libertà

Sagra Ranocchiocciola 2018
Oltre alle chiocciole ed ai ranocchi cucinati ad arte per gli appassionati, si possono degustare piatti tipici della cucina versiliese come il cacciucco.In oltre: pizzeria con forno a legna, gelateria, sala giochi, gioco della tombola, orchestra e balli.Ampio parcheggio  TIPO: Sagre LUOGO: Parco degli sterpeti, Massarosa ORARIO: 19.00 INFORMAZIONI: Tel. 0584 938245 / 328 4542414 - Via degli Sterpeti

Lanciotto Baldanzi
141ª Mostra  “Museo Ugo Guidi”Museo Vivo e   "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"  presentano la mostra di pittura dell’artista  LANCIOTTO BALDANZI  A cura di Vittorio Guidi   Presentazione dell’artista  Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI 15    - 30 Luglio 2018    Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi. La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .L'esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23. Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949, inizia a dipingere fino dagli anni ’60. Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo. Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania. Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier. Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.“I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta , anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.Conobbi Lanciotto per pura casualità. Era un giorno d’agosto di due anni fa eTristano, suo figlio, mi portò a Terricciola per conoscere suo padre e per farmivedere il suo curioso mondo di cui avevo sentito parlare.Salendo le scale del condominio lo vidi sull’ingresso della sua casa con un grandesorriso nascosto dalla folta barba bianca. – Siete arrivati finalmente!- dissespalancando la porta e invitandoci dentro.Entrata nell’appartamento, non riuscii a credere ai miei occhi. Incisioni sui muri,preghiere, date, quadri completi e non, pezzi di carta ritagliati pronti per essereincollati, dipinti sul letto, al posto dei tappeti, contro le pareti del bagno e dellacucina. Non mi ritrovai in una casa, bensì, in un diario dove un uomo per anniaveva lasciato un segno dei suoi pensieri, dai più malinconici ai più amari.Coloratissime immagini surreali e oniriche facevano da cornice alle finestrecontro le brulle colline di fine estate.Lanciotto non parlò molto, o meglio, parlò molto, ma non troppo di sé, lasciò cheparlasse tutto quello che ci circondava ed io dopo quel giorno tornai a trovarlopiù volte ed ebbi la possibilità tra una piacevole chiacchiera e l’altra, diselezionare, fotografare e schedare con grande entusiasmo solo una minimaparte delle sue opere in una raccolta, con l’accordo di omettere alcuni titoli deiquadri, a lui profondamente ed intimamente cari.Non mi intendo d’Arte, ma rimasi davvero stupefatta da quel luogo, dalla suafigura e dalla sua immensa produzione.Ma la verità è che nessuno può rimanerne indifferente.”Allegra Santini  La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e su Forte Magazine    … Il MUG ha il sostegno della Fondazione Alimondo Ciampi onlus, del Logos Hotel, della Banca CC Versilia, Lunigiana e Garfagnana, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International  Council  Of  Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Piccoli Grandi Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Provincia di Massa – Carrara, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Sistema Museale della Versilia, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco. Memoria fotografica: Antonio Raffaelli, presidente Associazione Versiliese Audiovisivi Didattici.Partner: Accademia MAXI College Mosca (Russia), Art Institute of Nanjing University Nanchino (Cina), Villa Finaly Firenze Chancellerie des Universités de Paris - La Sorbonne, Associazione Open ART, Ente Ville Versiliesi,  Città Infinite, Historiavbc, MIIT Museo Internazionale  Italia Arte Torino, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Club Unesco “Carrara dei Marmi”, Associazione Ponte degli Artisti Milano, Associazione Internazionale ArtePozzo, Associazione Culturale Gli Otto Venti Pistoia, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International. La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi con lo “Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.   Media Partner: QN LA NAZIONE,  Arte33 Versilia, Forte International di PSE Editore, Just Beautiful,  Forte 100 Rivista, Italia Italy, Arte in Toscana, BestVersilia.com, Culturadelmarmo.it, LifeBeyondTourism, Inpuntadipennablog.it, Acculturarsi.blogspot.it, Agendaeventi.com, La Parentesi della Scrittura. Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E                                                                                    …Comitato Scientifico del Museo Ugo Guidi:Lorenzo Belli – Lodovico Gierut – Anna Vittoria Laghi - Massimo Pasqualone Piero Garibaldi - Pubbliche Relazioni MUG - Tel: 349.0908365  Facebook: Museo Ugo Guidi - Vittorio Guidi Twitter:     @MUSEOUGOGUIDI TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 - martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

TAGLIARINO CO' FAGIOLI
La parrocchia di vado in collaborazione con il Rione Vado, organizza la sagra "Tagliarino co' fagioli".A Vado davanti alle Scuole Elementari potrete gustare piatti di cucina casalinga, degustazioni, birra&long drink.Ampio parcheggio e area giochi per bambini. TIPO: Sagre LUOGO: Vado, "Presso scuole elementari", Vado INFORMAZIONI: - Parrocchia Vado

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

Festival Pucciniano - Turandot
Opera Lirica TurandotMusica di Giacomo Puccini-Il Festival Puccini di Torre del Lago è uno degli eventi più attesi della ricca vita culturale della Toscana, il più importante festival lirico d’Italia e l’unico al mondo dedicato al compositore Giacomo Puccini che si svolge ogni estate, proprio nei luoghi  che  ispirarono al maestro Puccini le sue immortali melodie.Nato nel 1930 con il passare degli anni è diventato un appuntamento prestigioso capace di richiamare migliaia di spettatori provenienti da tutto il mondo che al Festival Puccini possono ascoltare le più grandi stelle della lirica, sotto la direzione di importanti direttori d’orchestra, ed ammirare straordinari allestimenti curati dai più famosi registi dei capolavori pucciniani da Madama Butterfly, Turandot, La Bohème, Tosca a  Manon Lescaut. Le opere di Puccini vanno in scena in un grande teatro all’aperto di 3.400 posti, in riva al lago di Massaiuccoli, circondato dal verde proprio davanti alla Casa Museo del maestro Puccini dove sono custodite le spoglie del musicista e dove si possono ammirare reperti e cimeli della vita e della gloriosa vicenda artistica di Puccini.Il museo, con decine di migliaia di appassionati che lo visitano ogni anno, è l’ideale punto di partenza alla scoperta di numerosi ed interessanti itinerari a tema che si snodano in tutta la provincia di Lucca e nelle più importanti città d’arte della Toscana. TIPO: Teatro e danza LUOGO: Gran teatro Giacomo Puccini Auditorium Enrico Caruso, Torre del Lago ORARIO: 21.15 INFORMAZIONI: 0584 359322 - Tel. 0584 350567

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

IL SERAVEZZA BLUES FESTIVAL SI FA IN TRE
La quarta edizione della kermesse internazionale (ad ingresso gratuito) si svolgerà venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio nel giardino di Palazzo Mediceo Il Seravezza Blues Festival si evolve. Progredisce ancora, conservando comunque la sua fortissima identità musicale e territoriale. La kermesse di musica internazionale ad ingresso gratuito, giunta alla quarta edizione, quest’anno si svolgerà su tre serate: venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio. Un inedito nella storia recente, ma già significativa di un evento capace di imporsi da subito come uno degli appuntamenti di maggior rilievo non solo in Toscana, ma in tutta Italia. Una formula estesa ulteriormente per coinvolgere un pubblico sempre più vasto e variegato.Non cambierà, invece, la location: sul palco allestito nel giardino di Palazzo Mediceo (di fronte all’entrata principale dell’edificio patrimonio dell’Unesco), si alterneranno star internazionali e giovani band locali per un omaggio al blues e alle sue svariate declinazioni.LA STORIAIl Seravezza Blues Festival rappresenta l’evento principale dell’associazione culturale “Alexandre Mattei”, fondata in ricordo del musicista pietrasantino scomparso prematuramente nel 2015 ed impegnata in vari progetti a scopo benefico. Proprio in quell’anno si è svolta la prima edizione della rassegna, tenuta a battesimo dal leggendario Guitar Crusher, al cui concerto – nel giardino adiacente alla Villa Medicea – hanno assistito oltre 1500 persone. Successo bissato nel 2016, quando di fronte a circa 2000 persone si sono esibiti – sempre in data unica – alcuni tra i nomi più interessanti del panorama blues europeo come Marcos Coll, Tom Blacksmith e Jaime Dolce. Il 2017 è stato l’anno della svolta per il Seravezza Blues Festival: non più una bensì due date (con due ospiti di primissimo livello, McKinley Moore e Ana Popovic), spostamento della venue nel giardino di fronte a Palazzo Mediceo, nascita del Villaggio del Blues, con mercatini e mostre di esposizione musicale e inaugurazione della sezione “Proposte” con il concorso “Road to Seravezza Blues”. Oltre 5000 le persone che hanno preso complessivamente parte all’evento.LE DATEIl primo appuntamento, quello di venerdì 20 luglio, sarà dedicato alle finali del concorso “Road to Seravezza Blues”: le migliori band emergenti del panorama toscano potranno così esibirsi in un contesto prestigioso durante una Opening Night a cui parteciperà una giuria nazionale altamente qualificata e condotta da una personalità d’eccezione della scena musicale italiana. La seconda serata (sabato 21 luglio) sarà invece incentrata sul blues popolare, in occasione dei 40 anni esatti dalla formazione dei Blues Brothers. Un omaggio agli artisti che hanno fatto la storia di questo genere. Il gran finale domenica 22 luglio, con le performance di interpreti che abbracceranno ogni fase (passato, presente e futuro) del blues internazionale.LE INIZIATIVE COLLATERALINon solo concerti live. Molti saranno infatti gli appuntamenti a margine delle tre serate del Seravezza Blues Festival: il Teatro Mediceo alle Scuderie ospiterà iniziative culturali e didattiche legate alla musica, tra cui masterclass con artisti internazionali e locali, oltre a diversi incontri durante l’intero week-end. In piazza Carducci e nell’area del Duomo sono previsti eventi ludici e promozionali collegati al Festival, la cui apertura è confermata (e potenziata) sin dal pomeriggio, con mercatini a tema musicale (con espositori di settore), enogastronomici (produttori e distributori del territorio) oltre agli spazi per i bambini (con giochi e animazione).IL VILLAGGIO DEL BLUESDi fronte al palco, per il secondo anno consecutivo, troverà spazio il Villaggio del Blues, all’interno del quale si potranno degustare ottime birre artigianali a km zero, prodotti gastronomici locali e dove saranno presenti spazi espositivi e di vendita di strumenti musicali, liuteria, merchandising blues, bike e motorcycles, dischi e vinili.IL DOCU-FILMAnche in occasione della quarta edizione del Seravezza Blues Festival verranno effettuate riprese (a cura del regista Stefano Leone) con interviste ad artisti, organizzatori, autorità e pubblico. Il progetto, avviato nel 2017, ha come obiettivo la realizzazione di un docu-film sull’evento e la figura di Alexandre Mattei. Un veicolo di divulgazione musicale e culturale, nonché di promozione della Versilia.PATROCINI E SOSTEGNISostenuto dalla Fondazione Terre Medicee, con il patrocinio del comune di Seravezza e il contributo della Banca del Credito Cooperativo della Versilia, il Seravezza Blues Festival genera ricadute economiche di rilievo sul territorio garantendo lavoro agli espositori (al 90% locali) del Villaggio del Blues e alle strutture alberghiere limitrofe che ospitano artisti e crew delle band.I PROGETTI DI CHARITYMusica per tutti non è un mero slogan, ma un messaggio che trova riscontro concreto nell’opera di solidarietà dell’associazione presieduta da Giuseppe Campatelli. Tra i progetti realizzati ci sono la consegna di un defibrillatore istallato presso la palestra Tommasi di Pietrasanta, l’acquisto di strumenti musicali per la Filarmonica di Riomagno e Azzano utilizzati a fini didattici e la donazione di fondi all’ospedale Opa di Massa utili a comprare macchinari per la cura e prevenzione delle patologie cardiache neonatali. Anche quest’anno parte del ricavato sarà devoluta a scopo benefico.FUNDRAISING E AUTOFINANZIAMENTOIl Seravezza Blues Festival è a ingresso gratuito, peculiarità mantenuta sin dalla prima edizione. Questo evento vive esclusivamente di finanziamenti diretti da parte di enti pubblici e bancari, accordi di sponsorizzazione con aziende private, a cui si affianca una attività di autofinanziamento e raccolta sul territorio. Vengono sviluppate inoltre diverse iniziative, tra cui una lotteria con in palio premi offerti da esercizi commercianti locali ed un crowdfunding nazionale. TIPO: Concerti LUOGO: Palazzo Mediceo Viale L. Amadei, 230 (Seravezza), Seravezza ORARIO: ore 21.00 INFORMAZIONI: - 0584 756046

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210

Domenica 22 luglio

Sagra Dell'Ardore
La Sagra dell'Ardore si terrà a Querceta.Immersa in uliveto secolare, la Sagra dell'Ardore è un evento gastronomico che offre una vasta scelta di specialità della cucina versiliese, proponendo ogni sera un menù differente. Nel menù troviamo squisitezze come tordelli, primi di pesce, carne alla griglia, panzanelle, bomboloni, dolci casalinghi, salumi e vini locali.Tutte le sere non mancherà l'animazione con il tombolone, attrazioni e giochi per bambini, e a seguire musica dal vivo e balli con le migliori orchestre della zona.Gli stand gastronomici aprono la sera per cena. È possibile anche prenotare un tavolo al numero indicato tra i dettagli dell'evento. Il luogo della sagra è raggiungibile facilmente dalla via Aurelia, superando il cavalcavia sopra la ferrovia, in direzione di Seravezza. La località dell'evento è nota col nome di Marzocchino. L'area dispone di ampio parcheggio. TIPO: Sagre LUOGO: Via Alpi Apuane, Zona Cavalcavia, Querceta INFORMAZIONI: Walter: 338 3621411 - -

Blues Festival 2018
Il Seravezza Blues Festival si evolve. Progredisce ancora, conservando comunque la sua fortissima identità musicale e territoriale. La kermesse di musica internazionale ad ingresso gratuito, giunta alla quarta edizione, quest’anno si svolgerà su tre serate: venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio. Un inedito nella storia recente, ma già significativa di un evento capace di imporsi da subito come uno degli appuntamenti di maggior rilievo non solo in Toscana, ma in tutta Italia. Una formula estesa ulteriormente per coinvolgere un pubblico sempre più vasto e variegato.Non cambierà, invece, la location: sul palco allestito nel giardino di Palazzo Mediceo (di fronte all’entrata principale dell’edificio patrimonio dell’Unesco), si alterneranno star internazionali e giovani band locali per un omaggio al blues e alle sue svariate declinazioni. LE DATEIl primo appuntamento, quello di venerdì 20 luglio, sarà dedicato alle finali del concorso “Road to Seravezza Blues”: le migliori band emergenti del panorama toscano potranno così esibirsi in un contesto prestigioso durante una Opening Night a cui parteciperà una giuria nazionale altamente qualificata e condotta da una personalità d’eccezione della scena musicale italiana. La seconda serata (sabato 21 luglio) sarà invece incentrata sul blues popolare, in occasione dei 40 anni esatti dalla formazione dei Blues Brothers. Un omaggio agli artisti che hanno fatto la storia di questo genere. Il gran finale domenica 22 luglio, con le performance di interpreti che abbracceranno ogni fase (passato, presente e futuro) del blues internazionale. TIPO: Eventi culturali LUOGO: Palazzo Mediceo Viale L. Amadei, 230 (Seravezza), Seravezza ORARIO: dalle ore 17:00 INFORMAZIONI: - 0584 756046

Sagra Del Magnifico Tordello
Farnocchia, frazione apuana del comune di Stazzema (LU), sarà di nuovo teatro della Sagra del Magnifico Tordello.L'evento si terrà i giorni 21-22 luglio.A farla da padrone nel menù della sagra c'è ovviamente il tordello al sugo di carne, vera istituzione locale.Si potranno comunque provare altri piatti tipici della cucina apuana come sgabei (pasta di pane fritta), stinco di maiale e vari tipi di carne alla brace. Per chi lo desidera, ci sarà a disposizione anche un piatto vegetariano.Gli stand gastronomici resteranno aperti la sera dalle 19:00.Dopo cena si balla con musica dal vivo.Per raggiungere il luogo della sagra gli organizzatori hanno previsto un servizio di bus navetta gratuito, segnalato lungo la strada.Da non perdere il bellissimo panorama sulle Alpi Apuane che si gode dal punto di imbarco della navetta. TIPO: Sagre LUOGO: Farnocchia, Farnocchia ORARIO: 19:00 INFORMAZIONI: filarmonicafarnocchia@gmail.com

Cinquale Street Food 2018
Tra la Riviera Apuana e la Versilia..........per gli appassionati di cibo di strada di qualità c'è un evento assolutamente da non perdere: Cinquale Street Food 2018.  Cinquale, rinomatissima località balneare del comune di Montignoso (MS) diventerà per un intero weekend, capitale dello Street Food, ospitato lungo Via della Libertà.Tre giorni all'insegna del gusto con i migliori Food Truck, le cui cucine su ruote saranno assolute protagoniste, proponendo tanto buon cibo per tutti i gusti e palati. L'organizzazione è di Luna Eventi, lo specialista dello Street Food in Versilia e dintorni. TIPO: Sagre LUOGO: Cinquale - Street Food, Cinquale ORARIO: 20/07 --> 17:00 - 24:00 21-22/07 --> 11:00 - 24:00 INFORMAZIONI: 328 2924970 - Via della Libertà

Sagra Ranocchiocciola 2018
Oltre alle chiocciole ed ai ranocchi cucinati ad arte per gli appassionati, si possono degustare piatti tipici della cucina versiliese come il cacciucco.In oltre: pizzeria con forno a legna, gelateria, sala giochi, gioco della tombola, orchestra e balli.Ampio parcheggio  TIPO: Sagre LUOGO: Parco degli sterpeti, Massarosa ORARIO: 19.00 INFORMAZIONI: Tel. 0584 938245 / 328 4542414 - Via degli Sterpeti

Lanciotto Baldanzi
141ª Mostra  “Museo Ugo Guidi”Museo Vivo e   "Amici del Museo Ugo Guidi - Onlus"  presentano la mostra di pittura dell’artista  LANCIOTTO BALDANZI  A cura di Vittorio Guidi   Presentazione dell’artista  Museo Ugo Guidi 15 luglio 2018 ore 18 – FORTE DEI MARMI 15    - 30 Luglio 2018    Il Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi ospita dal15 al 30 luglio 2018 la mostra del pittore toscano Lanciotto Baldanzi. La mostra sarà inaugurata Domenica 15 luglio alle ore 18 al MUG con presentazione dell’artista e del figlio Tristano .L'esposizione sarà visitabile fino al 30 luglio, aperta tutti i giorni dalle 18 alle 20, martedì chiuso, o su appuntamento al 348-3020538  o   mentre al Logos Hotel – via Mazzini 153 – dove sarà esposta una parte delle opere, tutti i giorni dalle 10 alle 23. Lanciotto Baldanzi è nato a Terricciola (Pisa) nel 1949, inizia a dipingere fino dagli anni ’60. Nelle opere trasmette la volontà di frantumare la realtà caotica del mondo proponendo il suo universo. Dopo numerose esposizioni in Italia espone per l’ultima volta nel 1986 in Germania. Da allora non ha più esposto le opere che ha continuato a creare come dipinti e collage nella casa-atelier. Nel 1990 la sua turbolente anima agitata da un travaglio interiore lo spinse a dar fuoco ad oltre la metà delle sue opere.“I quadri sono la sua introspezione quotidiana, un ininterrotto racconto interiore che oggi presenta , anche con una non celata ritrosia, al Museo Ugo Guidi.Conobbi Lanciotto per pura casualità. Era un giorno d’agosto di due anni fa eTristano, suo figlio, mi portò a Terricciola per conoscere suo padre e per farmivedere il suo curioso mondo di cui avevo sentito parlare.Salendo le scale del condominio lo vidi sull’ingresso della sua casa con un grandesorriso nascosto dalla folta barba bianca. – Siete arrivati finalmente!- dissespalancando la porta e invitandoci dentro.Entrata nell’appartamento, non riuscii a credere ai miei occhi. Incisioni sui muri,preghiere, date, quadri completi e non, pezzi di carta ritagliati pronti per essereincollati, dipinti sul letto, al posto dei tappeti, contro le pareti del bagno e dellacucina. Non mi ritrovai in una casa, bensì, in un diario dove un uomo per anniaveva lasciato un segno dei suoi pensieri, dai più malinconici ai più amari.Coloratissime immagini surreali e oniriche facevano da cornice alle finestrecontro le brulle colline di fine estate.Lanciotto non parlò molto, o meglio, parlò molto, ma non troppo di sé, lasciò cheparlasse tutto quello che ci circondava ed io dopo quel giorno tornai a trovarlopiù volte ed ebbi la possibilità tra una piacevole chiacchiera e l’altra, diselezionare, fotografare e schedare con grande entusiasmo solo una minimaparte delle sue opere in una raccolta, con l’accordo di omettere alcuni titoli deiquadri, a lui profondamente ed intimamente cari.Non mi intendo d’Arte, ma rimasi davvero stupefatta da quel luogo, dalla suafigura e dalla sua immensa produzione.Ma la verità è che nessuno può rimanerne indifferente.”Allegra Santini  La mostra è inserita nella brochure ufficiale degli eventi estivi del Comune di Forte dei Marmi e su Forte Magazine    … Il MUG ha il sostegno della Fondazione Alimondo Ciampi onlus, del Logos Hotel, della Banca CC Versilia, Lunigiana e Garfagnana, di Italia Nostra sez. Massa-Montignoso. Con l’adesione del Comune di Forte dei Marmi, dell’Unione Europea, dell’International  Council  Of  Museums, Regione Toscana, Toscana Musei, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Piccoli Grandi Musei, Edumusei, Provincia di Lucca, Provincia di Massa – Carrara, Sistema Museale della Provincia di Lucca, Sistema Museale della Versilia, APT Versilia, Fondazione R. Del Bianco. Memoria fotografica: Antonio Raffaelli, presidente Associazione Versiliese Audiovisivi Didattici.Partner: Accademia MAXI College Mosca (Russia), Art Institute of Nanjing University Nanchino (Cina), Villa Finaly Firenze Chancellerie des Universités de Paris - La Sorbonne, Associazione Open ART, Ente Ville Versiliesi,  Città Infinite, Historiavbc, MIIT Museo Internazionale  Italia Arte Torino, Toscana ‘900 – Musei e Percorsi d’Arte, Club Unesco “Carrara dei Marmi”, Associazione Ponte degli Artisti Milano, Associazione Internazionale ArtePozzo, Associazione Culturale Gli Otto Venti Pistoia, Comitato Archivio Artistico Documentario Gierut, Acomus International. La Capannina di Franceschi di Forte dei Marmi con lo “Spazio Museo Ugo Guidi / MUG Space”.   Media Partner: QN LA NAZIONE,  Arte33 Versilia, Forte International di PSE Editore, Just Beautiful,  Forte 100 Rivista, Italia Italy, Arte in Toscana, BestVersilia.com, Culturadelmarmo.it, LifeBeyondTourism, Inpuntadipennablog.it, Acculturarsi.blogspot.it, Agendaeventi.com, La Parentesi della Scrittura. Come raggiungere il museo: Uscita Autostrada Versilia, direzione Forte dei Marmi, seguire i cartelli rettangolari marroni che indicano il museo. Sul viale a mare di Forte dei Marmi venendo da Viareggio: superato il pontile del Forte oltrepassare tre semafori, poi il cartello a destra indica il museo; da Massa: entrati in Forte dei Marmi dopo il primo semaforo la prima strada sulla sinistra è Via Civitali.  GPS: LAT:43.972477 N - LON:10.154887 E                                                                                    …Comitato Scientifico del Museo Ugo Guidi:Lorenzo Belli – Lodovico Gierut – Anna Vittoria Laghi - Massimo Pasqualone Piero Garibaldi - Pubbliche Relazioni MUG - Tel: 349.0908365  Facebook: Museo Ugo Guidi - Vittorio Guidi Twitter:     @MUSEOUGOGUIDI TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: MUG - Museo Ugo Guidi via Civitali num. 3 (Vittoria Apuana), Vittoria Apuana ORARIO: 18 - 20 - martedì chiuso INFORMAZIONI: Museo Ugo Guidi - via Civitali 33 Forte dei Marmi - Tel. 348-3020538

TAGLIARINO CO' FAGIOLI
La parrocchia di vado in collaborazione con il Rione Vado, organizza la sagra "Tagliarino co' fagioli".A Vado davanti alle Scuole Elementari potrete gustare piatti di cucina casalinga, degustazioni, birra&long drink.Ampio parcheggio e area giochi per bambini. TIPO: Sagre LUOGO: Vado, "Presso scuole elementari", Vado INFORMAZIONI: - Parrocchia Vado

“Alfred Hitchcock – Il Genio nero”
ALESSANDRA POLITI PAGNONI: “Alfred Hitchcock – Il Genio nero” a cura di Alessandro Bertozzi.Paola Raffo Arte Contemporanea presenta, a cura di Alessandro Bertozzi, la mostra di Alessandra Politi Pagnoni “Alfred Hitchcock – Il Genio nero”. L’esposizione presenterà opere recenti della scultrice ispirate da dieci film del maestro del cinema. Il progetto “Hitchcock” nasce da un’antica passione, di quelle autentiche, che ti arricchiscono. È un mio personale tributo al grande Maestro inglese che ha inventato il cinema, l’ha disfatto e poi ricostruito, ha lasciato un patrimonio inventivo, ironico e tecnico che ancora oggi è oggetto di studio. Io faccio scultura, due mondi lontani, ma la prima sfida che mi sono posta è stata quella di riuscire a bloccare in un’immagine sola, statica, l’intera emozione di un film. Un unico fotogramma che colga l’essenza di 90 minuti. Questo porta inevitabilmente a trovarsi di fronte ad un oggetto, spesso riconducibile all’arte Pop che ho già sperimentato in passato. Il telefono di “Delitto perfetto”, il teleobiettivo de “La finestra sul cortile”, la chiave di “Notorius” ne sono ottimi esempi. La seconda sfida era il cercare di essere coerenti con il concetto hitchcockiano di realismo: a Hitch personalmente non interessava dimostrare l’attendibilità e la verosimiglianza delle sue scene ma solo l’effetto finale sul pubblico. A me non interessano i dettagli della scultura, il rischio di cadere nella decorazione è dietro l’angolo, quindi un corvo per essere inquietante non ha bisogno di occhi e il volto dell’impenetrabile signora Danvers è tagliente nei suoi rigidi lineamenti. Hitchcock è un genio che non ha mai rinunciato a sperimentare, rischiare e mettere in gioco se stesso fronteggiando le potenze di Hollywood. Della suspense ha fatto la sua vita, se l’è vissuta addosso autoproducendo “Psycho”, contro il volere di tutti, che poi si è rivelato il suo più gran successo. Penso che qualche volta anche un artista dovrebbe fare così, uscire dagli schemi comodi e avventurarsi. Questo non è un progetto “facile”, sicuramente non capibile da tutti, ma la passione travalica ogni difficoltà. Allo stesso tempo amerei non dedicare queste opere solo agli “addetti ai lavori”, ma possibilmente a tutti i curiosi e amanti della bellezza. Concludo dicendo che ho fatto del mio meglio per avere mia ospite la Sig.ra Tippi Hedren, mia musa ispiratrice, ma non potendo partecipare sono comunque onorata dei suoi complimenti e dei brevi contatti avuti con la signora de “Gli uccelli” dei quali ne farò sicuramente tesoro. Io ho fatto 12 sculture, Hitchcock ha girato 54 film… come andrà a finire? SUSPENSE TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Paola Raffo Arte Contemporanea - Via Barsanti 11, Pietrasanta INFORMAZIONI: 0584 283338 - 335 5864558 - Tel 0584 283338

"ARTinCLUB 6": Armando Orfeo alla Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini
Sabato 9 giugno 2018 alle ore 18.30, presso la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini in via Roma Capitale 265 a Lido di Camaiore (Lu), si inaugura la mostra di pittura “ARTinCLUB 6”, organizzata in collaborazione con la galleria Mercurio Arte Contemporanea di Viareggio. In esposizione una serie di recenti dipinti dell’artista Armando Orfeo.L’iniziativa ARTinCLUB, giunta alla sesta edizione, nasce con l’intento di offrire al pubblico una proposta culturale che coniughi l’arte contemporanea con la raffinata atmosfera della villa in stile Liberty, fatta costruire dal pittore e ceramista Galileo Chini agli inizi del ‘900 per crearvi la propria dimora nei periodi di vacanza. Completamente ristrutturata lasciando inalterato il fascino originario, la Residenza d’Epoca Hotel Club I Pini accoglie ancora oggi numerose opere di Chini - dipinti, affreschi e oggetti d'arredamento - perfettamente conservate.Armando Orfeo - nato a Marina di Grosseto nel 1964 - ha all’attivo un nutrito curriculum espositivo, con personali e collettive sia in Italia che all’estero. Nelle sue tecniche miste, un bizzarro individuo si muove, inquieto e curioso, tra numerosi oggetti simbolici e architetture audaci. L’artista sottolinea il paradosso insito nel destino dell’uomo, riproducendo situazioni surreali nelle quali l’unica via di salvezza appare la Patafisica, la scienza delle soluzioni immaginarie. Orfeo realizza così un’onirica indagine sulla condizione dell’essere umano, con i suoi miti e i suoi dilemmi: lo fa servendosi di un’ironia volta a stimolare una riflessione non banale sull’esistenza e a indicare una visione ‘altra’ del mondo.La mostra, corredata di brochure con introduzione di Gianni Costa, è patrocinata dal Comune di Camaiore. E’ aperta fino al 22 settembre 2018, tutti i giorni, con orario 18.30 - 23.30. Infoline: 0584 66103.  TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Residenza d'Epoca Hotel Club I Pini - via Roma Capitale 265, Lido di Camaiore ORARIO: tutti i giorni, 18.30 - 23.30 INFORMAZIONI: info@clubipini.com - www.clubipini.com/artinclub6 - Tel. 0584 66103

IL SERAVEZZA BLUES FESTIVAL SI FA IN TRE
La quarta edizione della kermesse internazionale (ad ingresso gratuito) si svolgerà venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio nel giardino di Palazzo Mediceo Il Seravezza Blues Festival si evolve. Progredisce ancora, conservando comunque la sua fortissima identità musicale e territoriale. La kermesse di musica internazionale ad ingresso gratuito, giunta alla quarta edizione, quest’anno si svolgerà su tre serate: venerdì 20, sabato 21 e domenica 22 luglio. Un inedito nella storia recente, ma già significativa di un evento capace di imporsi da subito come uno degli appuntamenti di maggior rilievo non solo in Toscana, ma in tutta Italia. Una formula estesa ulteriormente per coinvolgere un pubblico sempre più vasto e variegato.Non cambierà, invece, la location: sul palco allestito nel giardino di Palazzo Mediceo (di fronte all’entrata principale dell’edificio patrimonio dell’Unesco), si alterneranno star internazionali e giovani band locali per un omaggio al blues e alle sue svariate declinazioni.LA STORIAIl Seravezza Blues Festival rappresenta l’evento principale dell’associazione culturale “Alexandre Mattei”, fondata in ricordo del musicista pietrasantino scomparso prematuramente nel 2015 ed impegnata in vari progetti a scopo benefico. Proprio in quell’anno si è svolta la prima edizione della rassegna, tenuta a battesimo dal leggendario Guitar Crusher, al cui concerto – nel giardino adiacente alla Villa Medicea – hanno assistito oltre 1500 persone. Successo bissato nel 2016, quando di fronte a circa 2000 persone si sono esibiti – sempre in data unica – alcuni tra i nomi più interessanti del panorama blues europeo come Marcos Coll, Tom Blacksmith e Jaime Dolce. Il 2017 è stato l’anno della svolta per il Seravezza Blues Festival: non più una bensì due date (con due ospiti di primissimo livello, McKinley Moore e Ana Popovic), spostamento della venue nel giardino di fronte a Palazzo Mediceo, nascita del Villaggio del Blues, con mercatini e mostre di esposizione musicale e inaugurazione della sezione “Proposte” con il concorso “Road to Seravezza Blues”. Oltre 5000 le persone che hanno preso complessivamente parte all’evento.LE DATEIl primo appuntamento, quello di venerdì 20 luglio, sarà dedicato alle finali del concorso “Road to Seravezza Blues”: le migliori band emergenti del panorama toscano potranno così esibirsi in un contesto prestigioso durante una Opening Night a cui parteciperà una giuria nazionale altamente qualificata e condotta da una personalità d’eccezione della scena musicale italiana. La seconda serata (sabato 21 luglio) sarà invece incentrata sul blues popolare, in occasione dei 40 anni esatti dalla formazione dei Blues Brothers. Un omaggio agli artisti che hanno fatto la storia di questo genere. Il gran finale domenica 22 luglio, con le performance di interpreti che abbracceranno ogni fase (passato, presente e futuro) del blues internazionale.LE INIZIATIVE COLLATERALINon solo concerti live. Molti saranno infatti gli appuntamenti a margine delle tre serate del Seravezza Blues Festival: il Teatro Mediceo alle Scuderie ospiterà iniziative culturali e didattiche legate alla musica, tra cui masterclass con artisti internazionali e locali, oltre a diversi incontri durante l’intero week-end. In piazza Carducci e nell’area del Duomo sono previsti eventi ludici e promozionali collegati al Festival, la cui apertura è confermata (e potenziata) sin dal pomeriggio, con mercatini a tema musicale (con espositori di settore), enogastronomici (produttori e distributori del territorio) oltre agli spazi per i bambini (con giochi e animazione).IL VILLAGGIO DEL BLUESDi fronte al palco, per il secondo anno consecutivo, troverà spazio il Villaggio del Blues, all’interno del quale si potranno degustare ottime birre artigianali a km zero, prodotti gastronomici locali e dove saranno presenti spazi espositivi e di vendita di strumenti musicali, liuteria, merchandising blues, bike e motorcycles, dischi e vinili.IL DOCU-FILMAnche in occasione della quarta edizione del Seravezza Blues Festival verranno effettuate riprese (a cura del regista Stefano Leone) con interviste ad artisti, organizzatori, autorità e pubblico. Il progetto, avviato nel 2017, ha come obiettivo la realizzazione di un docu-film sull’evento e la figura di Alexandre Mattei. Un veicolo di divulgazione musicale e culturale, nonché di promozione della Versilia.PATROCINI E SOSTEGNISostenuto dalla Fondazione Terre Medicee, con il patrocinio del comune di Seravezza e il contributo della Banca del Credito Cooperativo della Versilia, il Seravezza Blues Festival genera ricadute economiche di rilievo sul territorio garantendo lavoro agli espositori (al 90% locali) del Villaggio del Blues e alle strutture alberghiere limitrofe che ospitano artisti e crew delle band.I PROGETTI DI CHARITYMusica per tutti non è un mero slogan, ma un messaggio che trova riscontro concreto nell’opera di solidarietà dell’associazione presieduta da Giuseppe Campatelli. Tra i progetti realizzati ci sono la consegna di un defibrillatore istallato presso la palestra Tommasi di Pietrasanta, l’acquisto di strumenti musicali per la Filarmonica di Riomagno e Azzano utilizzati a fini didattici e la donazione di fondi all’ospedale Opa di Massa utili a comprare macchinari per la cura e prevenzione delle patologie cardiache neonatali. Anche quest’anno parte del ricavato sarà devoluta a scopo benefico.FUNDRAISING E AUTOFINANZIAMENTOIl Seravezza Blues Festival è a ingresso gratuito, peculiarità mantenuta sin dalla prima edizione. Questo evento vive esclusivamente di finanziamenti diretti da parte di enti pubblici e bancari, accordi di sponsorizzazione con aziende private, a cui si affianca una attività di autofinanziamento e raccolta sul territorio. Vengono sviluppate inoltre diverse iniziative, tra cui una lotteria con in palio premi offerti da esercizi commercianti locali ed un crowdfunding nazionale. TIPO: Concerti LUOGO: Palazzo Mediceo Viale L. Amadei, 230 (Seravezza), Seravezza ORARIO: ore 21.00 INFORMAZIONI: - 0584 756046

Versilia – ricordi di un’estate al mare 1880-1940
Un’estate lunga 60 anni, a cavallo tra Ottocento e Novecento, con immagini suggestive che ci riportano in un’epoca straordinaria della Versilia. Inaugura domenica 29 aprile alle 17 a Villa Argentina (Viareggio)la mostra fotografica “VERSILIA ricordi di un’estate al mare 1880-1940”, curata da Enrico Stefanellie promossa dalla Fondazione Banca del Monte di Lucca e dalla Provincia di Lucca,in collaborazione con il Comune di Viareggio e la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggiodi Lucca e Massa Carrara e con il patrocinio dei Comuni di Lucca, Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza e Stazzema. Sonocirca 70 le stampe fotografiche esposte(in riproduzione), a cui si aggiungono foto e manifesti originali provenienti dall’Archivio fotografico della Provincia di Lucca e video provenienti dall’Archivio Chini di Camaiore. Il racconto va dalle prime immagini sugli stabilimenti balneari, la costa e l’entroterra riferibili agli ultimi decenni dell’Ottocento, per arrivare alla fine degli anni Trenta del Novecento, passando attraverso la Belle époque. Le prime sale sono dedicate ad un racconto cronologico  della vita dei luoghi,del costumee del territorio,con un effetto spiazzante per il visitatore che forse faticherà a riconoscerlo per come era. Al primo piano un focus su tematiche trasversali come l’evoluzione degli stabilimenti balneari, quella del costume da bagno, il tempo liberofuori dalla spiaggia con le attività ludico sportive, il tennis, il bridge, il ballo, la vita in pineta, i trasporti(come si arrivava e ci si muoveva in Versilia), lo sviluppo urbano. “E’ una mostra che rafforza il nostro senso di identità in quanto ci aiuta riconoscere, attraverso la vita balneare e lo sviluppo sociale della Versilia, quel tempo in cui seppe diventare un modello sognato dai turisti di tutta Europa. La Versilia è ancora tutto questo e la magia che si rinnova ogni estate ci stimola a riprendere consapevolezza delle meraviglie del nostro territorio” è il pensiero espresso dal Presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini, orgoglioso di questa nuova mostra a Villa Argentina che ne conferma l’incessante attività culturale e artistica. Il presidente della Fondazione Banca del Monte di Lucca, Oriano Landuccimanifesta il suo entusiasmo: “La mostra si presenta come il naturale sviluppo della precedente esposizione ‘La Versilia ritrovata’. Una nuova edizione che vuole essere un progetto di ampio respiro che non riporti solo semplicemente i ricordi di un’estate al mare, ma anche e soprattutto il rapporto appassionato fra l’uomo e la Versilia. Ogni immagine esposta è un fotogramma emozionante che ci porta in un tempo felice, sospeso tra sogno e realtà”. L’accoglienza ai visitatori sarà supportata dagli studenti dell’ISI Piaggia di Viareggio nell’ambito di un progetto formativo di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca che continua ormai da diversi anni.All’allestimento degli ambienti collaborano anche il rinomato negozio Bazaar di Viareggio che presenterà alcuni pezzi proveniente dalla grande collezione di abbigliamento e accessori vintage e Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali quaderni storici dedicati a Viareggio e alla sua storia).Numerose saranno le iniziative collaterali che si svolgeranno durante il periodo della mostra: da incontri sulla moda e sul costume, a presentazioni di libri e filmati d’epoca a momenti di intrattenimento. Gli appassionati e i collezionisti di fotografia potranno partecipare arricchendo i contenuti della mostra con proprie foto d’epoca (sempre relative al periodo 1880 – 1940) corredate di didascalie che verranno apposte in uno speciale corner dedicato. La mostra è stata realizzata con il prezioso supporto di Fratelli Alinari, PhotoLux, Mela Editing, Archivio Chini di Lido di Camaiore (filmato di proprietà della Famiglia Chini), ISI Piaggia di Viareggio (accoglienza dei visitatori nell’ambito del progetto di Alternanza Scuola Lavoro con la Provincia di Lucca), Arci Comitato Lucca Versilia, Bazaar Viareggio (collaborazione all’allestimento attingendo dalla loro collezione vintage) Pezzini Editore (tipografia antica che realizza prodotti editoriali dedicati a Viareggio e alla sua storia). Le fotografie provengono dai famosi Archivi Alinari di Firenze, dall’Archivio della Provincia di Lucca,dall’Archivio Chinie dagli archivi dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata nel 1928, che custodisce oltre 1.500 pezzi tra scatti e manifesti pubblicitari di tutte le cittadine della Versilia. Archivio Alinari di Firenze. Per tutti gli studiosi e gli appassionati di Storia della Fotografia, i Fratelli Alinari e cosa rappresentano una garanzia di qualità, un vero e proprio modello espressivo che ha influenzato generazioni di fotografi e artisti: le loro immagini sono entrate a  pieno titolo nella memoria storica del nostro patrimonio culturale. L’Archivio della Provincia di Luccaattinge in particolare l’Archivio fotografico turistico che proviene dal patrimonio dell’ Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, nata ne 1928 poi divenuta Riviera della Versilia. Negli anni ‘30 furono commissionate e realizzate numerose campagne pubblicitarie e numerose pellicole che resero famosa la costa che va da Viareggio a Forte dei Marmi. Tali prodotti multimediali, che ancora oggi stupiscono per la loro freschezza e capacità innovativa, avevano lo scopo di mostrare a tutti le bellezze del territorio per attrarre un numero sempre maggiore di turisti. L’Archivio fotografico, costituito da oltre 1.500 pezzi custodisce circa 600 scatti e manifesti pubblicitari che coprono un arco temporale che va dagli Anni ’30 ai giorni nostri e riguardano tutte le cittadine della Versilia.Le foto presenti nella mostra raccontano il mito delle località di vacanza e dei vacanzieri in un’epoca d’oro che sembra non avvertire l’imminenza del secondo conflitto mondiale. Archivio Chini di Lido di Camaiore: il percorso espositivo è arricchito anche da immagini provenienti da filmati d’epoca tra cui uno di Galileo Chini messo a disposizionedall’Archivio Chini di Lido di Camaiore, le cui belle immagini vedono come protagonista artista l’artista poliedrico e versatile Galileo Chini, pioniere dello stile Liberty in Italia I fotografiNelle immagini d’epoca risalta immediatamente la professionalità di alcuni fotografi davvero straordinari. Tra i tanti è possibile il lucchese Ettore Cortopassile cui fotografie sono conservate nell’Archivio Fotografico Turistico della Provincia di Lucca. Il suo modo di operare si pone al confine fra arte visuale e fotografia documentaria ed osservando le sue fotografie è facile individuare un equilibrio compositivo dove documentazione e ricerca estetica s’incontrano; una sua fotografia del 1939 verrà ripresa come soggetto da Piero Cantini, intorno al 1950, per realizzare una locandina pubblicitaria di Viareggio.Va inoltre sottolineata la figura di Carlo Brogi, che nel 1881 ereditò la “Ditta Brogi”, fondata nel 1864 dal padre, il famoso Giacomo Brogi. Le sue visioni sono chiaramente pittoriche con una grande attenzione alla composizione dell’immagine. L’inaugurazione è prevista per domenica 29 aprile alle ore 17.00 La mostraresterà apertafino al 22 luglio ad ingresso libero.Orario: da martedì a domenica  10.00-13.00 e  15.00-18.30.Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) TIPO: Mostre ed esposizioni LUOGO: Villa Argentina Via Fratti, Viareggio ORARIO: Orario: da martedì a domenica 10.00-13.00 e 15.00-18.30. Chiuso il lunedì (ad eccezione del 30 aprile) INFORMAZIONI: - 0584 48881

XXIII FESTIVAL Organistico Città di Camaiore (2018)
Con il patrocinio e il contributo del Comune di CamaioreFestival Organistico “Città di Camaiore” 2018  XXIII edizione5  Luglio                              Giampaolo di Rosa12 Luglio                             Esteban   Elizondo15 Luglio                             Dan Zerfaß22 Luglio                             Matthias Dreißig28 Luglio                             Christian Tarabbia2 Agosto                             Enrico Barsanti8 Agosto                             Federica Iannella14 Agosto                           Andrea Vannucchi20  agosto                          Hans-André Stamm29 agosto                           Alessandro BianchiTutti i concerti si svolgeranno presso la Chiesa della Badia. Ore 21,15  Ingresso: Euro 5,00 per ogni concerto  TIPO: Concerti LUOGO: Chiesa della Badia di Camaiore Via Badia (Camaiore), Camaiore ORARIO: Ore 21,15 INFORMAZIONI: https://www.camaioreorganfestival.com/ - 0584 989210